fbpx
AutoElettricoMotoriNews

Dopo il SUV, arriverà la prima Ferrari elettrica nel 2025

La prima Ferrari elettrica arriverà nel 2025, parola del CEO Ferrari Elkann

I prossimi anni saranno fondamentali per il prosieguo della storia di uno dei marchi automobilistici più noti e amati del mondo, Ferrari. Il CEO del Cavallino Rampante, John Elkann, ha infatti confermato che la prima Ferrari elettrica arriverà nel 2025. Invece il primo SUV della Casa, il Purosangue, verrà presentato l’anno prossimo.

La prima Ferrari elettrica nel 2025, Elkann “Avvicinerà il brand Ferrari alle nuove generazioni”

L’annuncio è avvenuto durante l’assemblea degli azionisti Ferrari, che si è riunita per approvare il bilancio 2020 e per fare il punto della situazione sugli sviluppi futuri della Casa. John Elkann, CEO ad interim dopo le dimissioni di Louis Camilleri nel dicembre dell’anno scorso, ha cambiato e anticipato il debutto della prima elettrica Ferrari.

Lo stesso Camilleri infatti aveva annunciato che si sarebbe dovuto aspettare dopo il 2025 per vedere la prima Ferrari a zero emissioni. Durante l’assemblea, invece, Elkann ha dichiarato di aver anticipato questo salto al 2025, tra circa 4 anni. “Siamo molto entusiasti della nostra prima Ferrari completamente elettrica, che presenteremo nel 2025. Per lei, gli ingegneri e i designer di Maranello realizzeranno tutte le tecnologie e le soluzioni che potete immaginare per rendere perfetta un’auto così importante per la nostra storia.”, queste le parole di Elkann agli investitori.

Ferrari elettrica John Elkann

Da queste parole trapela che la Ferrari elettrica è già in fase di sviluppo, e sicuramente a Maranello non vorranno sbagliare nulla su un modello che segnerà un punto di svolta per il Cavallino, una data storica per un marchio così glorioso. Ovviamente, John Elkann, recentemente entrato nella classifica di Forbes dei 50 uomini più ricchi d’Italia, non si è dilungato su specifiche tecniche o previsioni. Per il Presidente e CEO di Ferrari però questa è un’occasione da non perdere per rinnovare il mito di Ferrari nel mondo, soprattutto tra i giovani. “La nostra interpretazione di queste tecnologie sia nelle corse sia nelle auto stradali è un’imperdibile opportunità per far comprendere e apprezzare l’unicità e la passione del Cavallino Rampante alle nuove generazioni.”.

Ferrari LaFerrari e SF90 Stradale, le prime Ferrari elettrificate

Del resto, Ferrari non è rimasta ferma ai soli modelli termici tradizionali, già da qualche anno. Per cominciare, in Formula 1 il Cavallino utilizza una motorizzazione ibrida fin dal 2014, quando il regolamento della Classe Regina ha imposto l’uso di motorizzazioni 1.6 V6 ibride. Ma l’elettrificazione si è fatta strada anche sulle automobili di serie della Casa modenese.

Ferrari LaFerrari

La prima Ferrari a fregiarsi di un aiutino elettrico è stata la spettacolare Ferrari LaFerrari del 2013. Questa Hypercar, erede delle altre “Ferrari fuori scala” Enzo, F50 e F40, nasconde sotto al cofano un V12 aspirato da 6,3 litri e 800 CV. Al suo fianco però c’è un motore elettrico che sfrutta la tecnologia Hy-KERS, ovvero un sistema di recupero di energia in frenata e di riutilizzo di questa energia in fase di accelerazione. Questo sistema è derivato dalle monoposto di Formula 1 di precedente generazione, che al fianco del motore 2.4 V8 avevano proprio un Kers, attivabile tramite un tasto. Questo “aiutino” garantiva ben 163 CV, e faceva arrivare la potenza massima quasi a 1000 CV. 963 CV e oltre 900 Nm di coppia, uno 0-100 da 2,9 secondi e oltre 350 km/h di velocità massima, il tutto abbinato alla sola trazione posteriore.

Ferrari elettrica SF90 Stradale

Un sistema elettrificato ancora piuttosto semplice e leggero, che però non è rimasto un unicum. L’anno scorso ha infatti debuttato la prima Ferrari ibrida plug-in, la SF90 Stradale. Questa Hypercar, che riprende il nome della monoposto di Formula 1 del 2019, unisce al motore V8 biturbo centrale-posteriore da 780 CV ben tre motori elettrici. Un primo motore è posizionato tra motore e cambio, e due sono posizionati sull’asse anteriore, uno per ogni ruota. Questi tre motori elettrici sviluppano una potenza complessiva di 200 CV, e sono collegati ad una batteria agli ioni di litio da 7,9 kWh.

SF90 Stradale è quindi una Ferrari a trazione integrale, capace di una potenza complessiva di 1000CV e di percorrere 26 km in modalità zero emissioni. Un’auto che unisce l’emozione di una Ferrari V8 a motore centrale con le prestazioni e la tecnologia di un’auto ibrida. Un altro passo verso un’elettrificazione sempre più presente anche a Maranello, e che andrà a braccetto con altre prime volte.

Oltre la Ferrari elettrica: l’anno prossimo arriverà la Purosangue, primo SUV di Maranello

Elkann ha infatti dichiarato che nei prossimi mesi saranno presentati tre nuovi modelli inediti. Il più importante di questi è indubbiamente un vero e proprio sacrilegio per i puristi del brand: il primo SUV Ferrari. Se la prima Ferrari elettrica dovremo attendere il 2025, il SUV del Cavallino arriverà prima, entro il 2022.

Ferrari elettrica Purosangue

Di questo SUV però sappiamo ancora poco. Sappiamo che il suo nome sarà Purosangue, che è al momento in fase di test, con diversi muletti nascosti sotto le sembianze di Maserati Levante in giro per le campagne modenesi, fattore che ne ha nascosto finora ogni tipo di informazione sull’estetica. In Ferrari trapela che, nonostante la sua “suvvitudine”, Purosangue non perderà l’anima di ogni Ferrari. Per questo si rincorrono le voci che vogliono sotto il cofano di almeno una versione il mitico V12 aspirato, tipico di ogni GT del Cavallino. Non dovrebbe però essere l’unico motore in gamma, con il V8 biturbo visto su Portofino e il nuovo V6 ibrido sempre più vicino al debutto candidati ideali per spingere il Purosangue.

Quale sarà il futuro di Ferrari?

Le informazioni sono poche sia sulla prima Ferrari elettrica che sul discusso Purosangue. E anche a livello societario ci sono ancora degli interrogativi. Elkann ha dichiarato che Ferrari sta ancora cercando un nuovo CEO, e che il “casting” sta andando bene, cercando di scremare candidature molto valide. L’amministratore delelato dei prossimi anni, che sia Elkann o qualcun altro, troverà una sfida difficilissima davanti a sè. Dovrà riuscire a coniugare l’anima del Cavallino con le richieste del futuro, tra auto elettriche e SUV fondamentali per rinnovare la potenza del brand e la sua notorietà.

Ferrari si trova quindi davanti ad uno dei quinquenni più difficili della sua intera storia. Cinque anni in cui vedremo il primo modello “mainstream” Ferrari, con 5 porte e a ruote alte, e la prima elettrica. La sfida più grande non sarà riuscire a vendere queste auto, ma non far perdere a nessuna auto col Cavallino sul cofano l’anima e quell’unicità che contraddistingue ogni Ferrari, fin dal 1947. Non vediamo davvero l’ora di vedere sia il Purosangue che la prima Ferrari elettrica. E voi? Cosa ne pensate? Siete degli appassionati “integralisti” o vi incuriosisce questa nuova era di Ferrari? Fatecelo sapere nei commenti e sui nostri canali social!

Crossover Scuderia Ferrari - Nero, S
  • Borsa crossover a tracolla
  • Con tasca interna con zip e sul retro.
  • Leggero e funzionale per viaggi e tempo libero

Qui puoi trovare i nostri ultimi articoli sul mondo Ferrari!

Lo sapevi? Abbiamo aperto il canale ufficiale di techprincess su Telegram con le migliori offerte della giornata. Cosa aspetti? Iscriviti qui!

Giulio Verdiraimo

Ho 22 anni, studio Ingegneria e sono malato di auto. Di ogni tipo, forma, dimensione. Basta che abbia quattro ruote e riesce ad emozionarmi, meglio se analogiche! Al contempo, amo molto la tecnologia, la musica rock e i viaggi, soprattutto culinari!

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button