fbpx
AttualitàCulturaNewsTech

Google e la privacy: l’azienda accusata di aver reso difficile il cambio della privacy su smartphone

Il colosso della ricerca è stato accusato di nuovo

Alcuni documenti mostrano che i dirigenti e gli ingegneri di Google erano consapevoli che il gigante della ricerca aveva reso difficile per gli utenti smartphone mantenere private le proprie informazioni sulla posizione attraverso le impostazioni di privacy.

Google e la privacy: l’accusa contro l’azienda

Google privacy

Documenti non riservati nella causa dell’Arizona contro Google mostrano che i dirigenti e gli ingegneri dell’azienda erano consapevoli che il gigante della ricerca aveva reso difficile mantenere le informazioni private su smartphone.

I documenti suggeriscono che Google abbia raccolto dati sulla posizione anche dopo che gli utenti avevano disattivato la condivisione della posizione. Inoltre il gigante della ricerca ha anche reso le impostazioni di privacy difficili da trovare per gli utenti facendo pressione sui produttori di telefoni.

Secondo i documenti Google ha chiesto loro di mantenere le impostazioni di privacy nascoste.

Il procuratore generale dell’Arizona, Mark Brnovich, ha intentato una causa contro Google lo scorso maggio. La causa sostiene che l’azienda tracciava illegalmente la posizione degli utenti Android senza il loro consenso. Questo accadeva, secondo quanto rivelato, anche se gli utenti avevano disattivato le funzioni di localizzazione.

La causa ha suggerito che Google abbia mantenuto il tracciamento della posizione in esecuzione in background per alcune funzioni. Sembra poi che l’azienda abbia fermato la pratica solo quando gli utenti hanno disabilitato il tracciamento a livello di sistema.

I documenti non modificati mostrano che un dipendente di Google ha chiesto se non ci fosse “un modo per dare a un’app di terze parti la tua posizione e non a Google?”, aggiungendo che non sembrava qualcosa che l’azienda avrebbe voluto rivelare ai media, secondo Insider.

Il portavoce di Google, José Castañeda, ha detto in una e-mail a The Verge che Brnovich “e i nostri concorrenti che guidano questa causa stanno esagerando nel criticare i nostri servizi. Abbiamo sempre costruito e implementato funzionalità di privacy solide nei nostri prodotti. Abbiamo anche fornito controlli robusti per i dati di localizzazione quindi non vediamo l’ora di mettere le cose in chiaro.”

Source
The Verge

Veronica Ronnie Lorenzini

Videogiochi, serie tv ad ogni ora del giorno, film e una tazza di thé caldo: ripetere, se necessario.

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button