fbpx
NewsTech

Instagram cambia l’algoritmo delle Stories

Per quale motivo Instagram vuole cambiare di nuovo l'algoritmo?

Instagram sta apportando dei cambiamenti all’algoritmo delle stories dopo che i dipendenti hanno sollevato preoccupazioni sulla portata dei contenuti pro-palestinesi presenti sulla piattaforma. Scopriamo insieme tutti i dettagli.

L’algoritmo delle Instagram Stories: cambiamenti all’orizzonte

Algoritmo Instagram cambiamenti

Un rapporto del Financial Times afferma che il cambiamento interesserà i contenuti originali e repostati nella sezione Storie di Instagram. Il rapporto ha evidenziato che, fino ad ora, Instagram ha favorito le storie originali rispetto a quelle che hanno lo scopo di ri-condividere i post dal feed dell’utente o da quello di qualcun altro. D’ora in poi, Instagram classificherà i post originali e ri-condivisi allo stesso modo.

La mossa arriva dopo che un gruppo di ben 50 dipendenti all’interno di Facebook, che possiede Instagram e WhatsApp, ha espresso la sua preoccupazione circa il contenuto pro-palestinese che viene soppresso. Buzzfeed News ha riferito che questo gruppo aveva iniziato a presentare ricorsi interni per ripristinare i contenuti su Facebook e Instagram che credevano fossero stati impropriamente bloccati o rimossi.

Un portavoce di Instagram ha detto che più utenti hanno condiviso post sul recente conflitto a Gaza. Tuttavia, l’attuale configurazione dell’app ha avuto un “impatto maggiore del previsto” su quante persone hanno visto i post, secondo quanto rivelato.

“Le storie che condividono i post direttamente dal feed non stanno ottenendo i risultati sperati e questa non è una cosa positiva”, ha detto il portavoce di Instagram al FT. “Nel corso del tempo, ci muoveremo per dare lo stesso peso ai post ri-condivisi come facciamo con le storie originali realizzate dagli utenti”.

L’errore e le dichiarazioni di Instagram

Instagram ha poi rivelato che il cambiamento dell’algoritmo non è dovuto solamente ai problemi riguardanti il contenuto. La società ha anche ribadito che non era sua intenzione eliminare “storie su particolari argomenti o punti di vista”.

Il portavoce ha rivelato: “Vogliamo essere davvero chiari: non è questo il caso. Questo sistema si applica a qualsiasi post che viene ri-condiviso nelle storie, non importa di cosa si tratta”, ha detto il portavoce.

Questa non è la prima volta che Instagram ha commesso errori per quanto riguarda i contenuti sulla sua piattaforma relativi al conflitto tra Israele e Palestina. A maggio, la società ha cancellato vari post e bloccato gli hashtag relativi alla Moschea di Al-Aqsa, uno dei siti più sacri della fede islamica. Questo perché il suo sistema di moderazione dei contenuti lo associava erroneamente alla violenza e alle organizzazioni terroristiche.

Lo stesso mese, Instagram è stato accusato dopo aver cancellato i post sul possibile sfratto dei palestinesi da Gerusalemme Est. In questo caso, il social network ha detto che si è trattato di un errore tecnico. Non ci resta che attendere e vedere il modo in cui si svilupperà la situazione.

Source
Gizmodo

Veronica Ronnie Lorenzini

Videogiochi, serie tv ad ogni ora del giorno, film e una tazza di thé caldo: ripetere, se necessario.

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button