fbpx
News

Instagram: le storie di solo testo sono ufficialmente disponibili

Instagram aggiorna la sua applicazione aggiungendo le storie fatte con solo testo. La novità era già stata annunciata, ma è sbarcata sugli smartphone solo in queste ore.

Instagram, le storie fatte di solo testo sono attive da oggi

Il social delle fotografie è cresciuto in maniera esponenziale negli ultimi mesi. Così tanto da mettere quasi in dubbio il dominio indiscusso del fratellone Facebook.

L'arrivo delle stories è ha fatto impazzire gli utenti sin da subito. Così tanto, che la mania di raccontare la propria vita a scatti di 15 secondi è ormai diventata l'abitudine di instagrammers "professionisti" e non.

LEGGI ANCHE: Instagram, come disattivare la visibilità dell'ultimo accesso

Ultimamente, gli sviluppatori hanno rilasciato una serie di nuove feature per l'applicazione, sia su piattaforma iOS che Android. Alcune novità non hanno entusiasmato particolarmente gli utenti, soprattutto i più attenti alla privacy e – paradossalmente – gli spioni.

Infatti se da un lato è stata abilitata la possibilità di vedere l'ultimo accesso alla piattaforma, dall'altro gli sviluppatori hanno introdotto quello che potrebbe considerarsi l'incubo di molti utenti "curiosi". Presto infatti chi tenterà di scattare screenshot alle stories sarà segnalato all'autore della stessa.

LEGGI ANCHE: Facebook, come proteggersi da Malware e Phishing

Fra le novità che si sapeva sarebbero arrivate c'erano anche le stories di solo testo. Potremo personalizzare il carattere (su Android scegliendo fra Moderno, Neon, Macchina da scrivere e Grassetto) e lo sfondo. Questo prevede determinati colori, ma potremo agevolmente aggiungere uno scatto preso direttamente dalla fotocamera.

Per scoprire subito il nuovo modo di creare stories, vi basterà aprire la fotocamera dall'applicazione di Instagram – come fate di solito – e scegliere "Tipo" come modalità. Da qui potrete personalizzare il vostro contenuto e pubblicarlo, proprio come siete abituati a fare. Buon divertimento!

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button