fbpx
AttualitàCulturaNews

MioDottore svela le malattie più cercate online dagli italiani

Endometriosi, menopausa e osteoporosi le più cercate

MioDottore, piattaforma specializzata nella prenotazione online di visite mediche, svela quelle che sono state le malattie più cercate dagli italiani nel corso del 2020. L’anno appena terminato è stato caratterizzato dall’emergenza COVID-19 che, però, non è l’unica problematica legata al benessere ed alla salute degli italiani.

Ecco le malattie più cercate dagli italiani nel corso del 2020

Secondo i dati raccolti da MioDottore, a guidare la classifica delle malattie più cercate dagli italiani nel corso del 2020 c’è l’endometriosi che precede la menopausa e l’osteoporosi sul “podio” delle patologie su cui gli italiani cercano informazioni in rete. Da notare che endometriosi e menopausa si contendono, dal 2018, la leadership di questa classifica, confermandosi quindi le più cercate dagli italiani.

Nella top 10 troviamo l’alluce valgo, la fibromialgia, l’acne, l’ernia inguinale, l’alopecia, l’artrosi e l’acufene. Le malattie più cercate dalle donne sulla piattaforma sono endometriosi, acne e menopausa. Per quanto riguarda gli uomini, invece, le ricerche si concentrano in particolare su osteoporosi, ernia inguinale e, al terzo posto, menopausa.

Da notare, inoltre, come le problematiche legate alla struttura scheletrica siano quelle più ricercate dagli italiani, con l’11% del totale. In seconda posizione troviamo le malattie legate alla sfera intima e sessuale, che coprono il 10% delle ricerche. Terza posizione per l’ambito dermatologico che copre il 6% del numero totale di ricerche effettuate dagli italiani.

Il commento di MioDottore

Luca Puccioni, CEO di MioDottore, dichiara: ““L’indagine di MioDottore evidenzia quanto i pazienti italiani siano interessati al proprio benessere e facciano affidamento alla tecnologia per indagare il proprio stato di salute. Per questo la piattaforma mette al servizio degli utenti differenti strumenti per avvicinarli agli specialisti di cui hanno bisogni”

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button