fbpx
mixer chiusura microsoft

Mixer: un nuovo reportage racconta i motivi dietro la chiusura della piattaforma di Microsoft
Spese eccessive ed un ambiente tossico avrebbero fatto chiudere la piattaforma di streaming rivale di Twitch


L’annuncio della chiusura di Mixer, la piattaforma di streaming per i giochi con cui Microsoft voleva sfidare Twitch, è stato per molti una sorpresa. Un report di Business Insider sembrerebbe però spiegare le cause dietro la chiusura del progetto, chiedendo ai dipendenti e al co-fondatore Matt Salsamendi.

I motivi dietro la chiusura di Mixer

Mixer, nato nel 2016 con il nome Beam, era una piccola start-up creata da Matt Salsamendi e James Boehm. Dovendo competere con il gigante dello streaming per i videogiochi Twitch, Beam era focalizzato sullo streaming a bassa latenza e sull’interazione fra streamer e pubblico.

Poco dopo la fondazione l’azienda viene acquistata da Microsoft, che vuole competere in maniera più diretta con Twitch di Amazon. Il nome viene cambiato in Mixer ed è evidente da subito che c’è la volontà di investire per attirare pubblico. Sebbene alcuni dipendenti dell’azienda volessero puntare più sui piccoli streamer, nel 2019 Mixer paga una cifra compresa fra i 20 e i 30 milioni di dollari per portare lo streamer Ninja sulla propria piattaforma. Una mossa simile viene fatta per Shroud e altri giocatori di alto profilo.

L’effetto desiderato però non c’è. Ninja arriva ad avere un massimo di 3,2 milioni di follower su Mixer. Nello stesso momento, ne ha 15 milioni su Twitch con un account inattivo.

Oltre agli investimenti poco profittevoli sugli streamer, un problema riportato da Business Insider riguarda il morale dei dipendenti. A quanto sembra dopo l’uscita di scena dei fondatori alla fine del 2019 i lavoratori era scontenti. Un video emerso quest’anno mostra un meeting interno dove, per stimolare i dipendenti, uno dei dirigenti finisce per sminuire le loro lamentele. Un sintomo dello scarsa morale aziendale.

Alcuni dipendenti hanno riportato un ambiente tossico, specie nei giorni precedenti l’annuncio della chiusura di Mixer.

Ora Microsoft ha deciso di iniziare una partnership con Facebook Gaming, il servizio di streaming del gigante di Zuckerberg. Vedremo se l’esperienza ha insegnato come competere con Twitch.

Xbox One S 1 TB - All Digital Edition Console +1 Mese Xbox...
  • Xbox One S All Digital Edition - Lettore DVD o Bluray non presente
  • Include Sea of Thieves, Forza Horizon 3, Minecraft + 1M Live Gold

Stefano Regazzi

author-publish-post-icon
Il battere sulla tastiera è la mia musica preferita. Nel senso che adoro scrivere, non perché ho una playlist su Spotify intitolata "Rumori da laptop": amo la tecnologia, ma non fino a quel punto! Lettore accanito, nerd da prima che andasse di moda.
                   










 
Sì, iscrivimi alla newsletter!
close-link