fbpx

Nintendo of America dona 9500 mascherine
Erano conservate nei loro depositi in caso di "emergenza" e beh, quale migliore occasione


Con una carenza globale di maschere protettive che sta mettendo in pericolo chi lotta in prima linea  contro il covid-19, Nintendo (of America) ha trovato 9500 mascherine antiparticolato N95 nei suoi depositi, e ha deciso di donarle ai soccorritori che lavorano nelle zone limitrofe all’azienda. 

Nintendo dona 9500 mascherine

In un post di ringraziamento sul sito della città di North Bend, Washington, dove ha sede il centro di imballaggio e distribuzione di Nintendo of America, è stato riferito che “il rappresentante Nintendo Jerry Danson ha contattato Eastside Fire & Rescue (EF&R) per donare generosamente oltre 9.500 Maschere N95 antiparticolato.

Se ti stai chiedendo come mai proprio Nintendo, tra tutte le aziende, ha a disposizione un numero così alto di mascherine in questo periodo in cui sembrano praticamente introvabili, la risposta è da trovare nel loro piano di “pianificazione e preparazione alle emergenze“, organizzato già da anni.

nintendo mascherine

Ora che le mascherine sono tra gli articoli più richiesti per i soccorritori e gli operatori sanitari, Nintendo ha pensato bene che qualcun altro potesse usarle meglio e con più diritti.

Le maschere N95 (note anche come FFP2 o FFP3) vanno un po’ oltre la normale maschera chirurgica, poiché sono progettate per impedirti di respirare particelle (di solito detriti) presenti nell’aria. Un carico utile di 9500 di questo genere di mascherine, in un momento come quest,o è come consegnare uno scrigno d’oro.

“Questa crisi non ha precedenti, la sicurezza e la protezione dei membri della comunità è fondamentale nella nostra missione quotidiana. Le comunità servite da City of North Bend ed Eastside Fire & Rescue apprezzano profondamente la generosa donazione di Nintendo”, si legge in un comunicato del comune.


Livio Marino

author-publish-post-icon
Sangue siciliano, milanese d'adozione, mi piace essere immerso in tutto ciò che è tech. Passo le giornate dando ordini ad Alexa, Google ed al mio cane, Maverick.
                   










 
Sì, iscrivimi alla newsletter!
close-link