fbpx

Panasonic mostrerà in anteprima al World Para Powerlifting 2019 come verrà implementato per la prima volta un esoscheletro robotizzato, il Power Assist Suit, durante i Giochi Paralimpici di Tokyo 2020.

Panasonic Power Assist Suit

Panasonic Corporation sarà partner ufficiale dei Giochi Olimpici e Paralimpici di Tokyo 2020. Ha annunciato oggi la fornitura del suo esoscheletro Power Assist Suit per gli eventi World Para Powerlifting (WPPO) e per le Paralimpiadi di Tokyo 2020, in virtù di un accordo sottoscritto con WPPO il 25 settembre 2019. Il Para-Powerlifting non è altro infatti che il sollevamento pesi che tutti conosciamo, ma dedicato agli atleti diversamente abili.

Gli esoscheletri verranno indossati dagli spotter (addetti al caricamento) che si occupano di fornire assistenza agli atleti durante le gare di sollevamento pesi. Infatti, durante le competizioni WPPO, gli spotter assistono oltre 180 concorrenti, movimentando oltre 100 pesi tra 10 e 50 chilogrammi. Secondo le stime, costoro arrivano a sollevare complessivamente oltre 8.650 chili durante le gare maschili e femminili combinate.

L’esoscheletro Power Assist Suit “ATOUN Y” allevia le sollecitazioni a livello lombare e della schiena degli spotter durante i movimenti di sollevamento ripetuti e pesa solamente 4,5 chili. Quando viene sollevato un peso, i sensori per la posizione del corpo rilevano i movimenti del torso. Azionano poi i motori integrati che sono sincronizzati con i movimenti della persona per alleviare le sollecitazioni a livello lombare compensando il potenziale di azione motoria dei muscoli

Altri vantaggi apportati da questa soluzione sono:

  • Sicurezza e precisione nel togliere/rimettere i pesi sui supporti
  • Movimentazione più veloce dei pesi durante i tentativi di sollevamento per evitare intoppi durante le gare
  • Migliori prestazioni degli spotter
  • Riduzione dell’affaticamento fisico per gli spotter
  • Sicurezza per i concorrenti durante i tentativi di sollevamento.

World Para Powerlifting

E’ la federazione internazionale di pesistica paralimpica con sede nella città tedesca di Bonn. La federazione accoglie atleti e atlete con otto disabilità fisiche riconosciute che gareggiano in competizioni di sollevamento pesi suddivisi in 10 diverse categorie di peso per genere. Tra le competizioni più importanti rientrano i Giochi Paralimpici, i Campionanti del Mondo biennali, i Campionati regionali triennali, la Coppa del Mondo annuale e gli eventi del Grand Prix.

Panasonic è stato il primo fornitore di apparecchiature audiovisive dei Giochi Paralimpici Invernali di Nagano 1998. E’ stato anche il primo sponsor dei Giochi Paralimpici del 2002 ed è partner del Comitato Paralimpico Internazionale (IPC) dal 2014. Oltre a garantire un supporto costante al Movimento Paralimpico, fornisce prodotti e servizi accessibili alle persone con disabilità, agli anziani e altre persone con bisogni speciali.
L’azienda giapponese crede nei Giochi Paralimpici come movimento di pacificazione globale attraverso lo sport e li reputa l’estensione naturale della filosofia aziendale “A Better Life, A Better World” e per questo  si impegna nel promuoverli ulteriormente, consentendo alle persone di tutto il mondo di condividere la passione e l’entusiasmo generati da questi eventi sportivi di richiamo mondiale.

Siamo onorati di fornire i nostri esoscheletri Power Assist Suit per gli eventi di Para Powerlifting e per i Giochi Paralimpici di Tokyo 2020” – ha affermato Satoshi Takeyasu, Chief Brand Communications Officer di Panasonic. “Il nostro profuso impegno nell’implementazione delle nostre innovative tecnologie vuole rendere l’evento di Tokyo 2020 i Giochi Paralimpici più innovativi della storia”.


Condividi la tua reazione

Rabbia Rabbia
0
Rabbia
Confusione Confusione
0
Confusione
Felicità Felicità
0
Felicità
Amore Amore
0
Amore
Paura Paura
0
Paura
Tristezza Tristezza
0
Tristezza
Wow Wow
0
Wow
WTF WTF
0
WTF
Livio Marino

author-publish-post-icon
Sangue siciliano, milanese d'adozione, mi piace essere immerso in tutto ciò che è tech. Passo le giornate dando ordini ad Alexa, Google ed al mio cane, Maverick.