fbpx
Realme Buds Q recensione

La recensione di Realme Buds Q, le cuffie true wireless super economiche
Il brand cinese ha portato sul mercato un paio di cuffie true wireless a 29,99 euro. Vale la pena comprarle?


Realme Buds Q recensione

Siamo abituati a cuffie true wireless estremamente costose, cuffie che spesso superano i 100 euro e promettono prestazioni al top, sia in chiamata che durante l’ascolto di musica, film o audiolibri. Non tutti però sono disposti a spendere questa cifra, soprattutto senza aver mai provato questo tipo di auricolari. Insomma, perché investire 100-200 euro per qualcosa che potrebbe non fare al caso mio? O, banalmente, per un prodotto che penso di usare solo una manciata di ore alla settimana?

Se vi ritrovate in questa descrizione, sappiate che il mercato è pieno di cuffie true wireless economiche che possono comunque regalarvi qualche soddisfazione. A questa categoria appartengono le Realme Buds Q, in vendita a 29,99 euro. Vi raccontiamo i loro pregi e difetti in questa recensione.

Design convincente…

Realme Buds Q recensione designQualche tempo fa avevamo provato le Realme Buds Air Neo (avete letto la nostra recensione?) che si presentano con un design piuttosto simile a quello delle AirPods di Apple: niente gommino in-ear, una forma che comunque permette loro di rimanere ancorate all’orecchio e il solito bastoncino. Le Buds Q però sono totalmente diverse: non c’è l’asticella, compare il gommino (3 le taglie disponibili) e tutto risulta estremamente compatto. Il peso poi è incredibilmente contenuto: solo 3,6 grammi per ciascun auricolare. Praticamente non vi accorgerete nemmeno di indossarle.

Realizzate in plastica e dotate della certificazione IPX4, le Realme Buds Q vengono custodite all’interno di un piccolo case dalla forma arrotondata che si adatta anche alle tasche più strette. A caratterizzare quest’ultimo troviamo gli stessi materiali economici degli auricolari, un connettore microUSB ed un unico LED esterno che si accende unicamente in fase di ricarica.

… ma controlli poco precisi

Realme Buds Q recensione batteriaLe Realme Buds Q integrano il Bluetooth 5.0 che garantisce una connessione rapida e stabile fino a 10 metri. Non si avverte latenza nella fruizione dei contenuti multimediali mentre per il gaming è presente l’apposita modalità che però non garantisce i risultati sperati. La sincronizzazione audio-video non è puntualissima ma comunque risulta migliore di quella offerta dai competitor della stessa fascia di prezzo.

Risultano invece poco precisi i controlli. L’area soft touch infatti è piuttosto limitata e non sempre riuscirete ad inviare il giusto comando al primo tentativo.
Le gesture sono uguali sia a destra che a sinistra, così potrete impartire lo stesso ordine anche se la vostra mano dominante dovesse essere occupata. Qualora questa soluzione non vi piaccia potrete ricorrere all’applicazione Realme Link che vi consente di associare controlli diversi al doppio e triplo tocco e alla pressione prolungata.

L’app vi permette di controllare anche lo stato della batteria e di attivare la modalità di gioco, modalità che può essere impostata anche tenendo premuto per 2 secondi entrambi gli auricolari. A segnalarvi l’attivazione ritroviamo, come nelle Buds Air Neo, il rumore di accensione del motore. Un segnale assolutamente chiaro ma forse un po’ fuori contesto, soprattutto se comparato con il suono delicato che comunica invece la disattivazione della gaming mode.

 

Realme Buds Q recensione: chiamate, musica ed autonomia

Le cuffie true wireless super economiche di Realme riservano qualche sorpresa. Prima di tutto il supporto ai codec SBC e AAC, insolito per questa fascia di prezzo, e, in secondo luogo, un suono bilanciato e nitido che vi aiuta ad ascoltare senza difficoltà ogni genere di musica. Vengono naturalmente privilegiate le frequenze alte e medie rispetto ai bassi ma non ci aspettavamo nulla di diverso considerando il costo delle Buds Q.

Realme Buds Q recensione funzioniLe chiamate invece sono meno convincenti. Chi indossa le cuffie non ha difficoltà a sentire l’interlocutore ma la qualità dei microfoni è appena sufficiente e spesso il vostro interlocutore tenderà a sentirvi fin troppo distanti. In ambienti rumorosi poi diventa tutto ancora più difficile, tanto da spingerci a scollegare le cuffie ed usare normalmente lo smartphone.

Arriviamo infine alla batteria che garantisce circa 4 ore di utilizzo, dopodiché potrete ricorrere al case che ve ne regala altre 16.

Realme Buds Q recensione: acquistarle oppure no?

A 29,99 euro le Realme Buds Q sono un prodotto davvero interessante, soprattutto se state cercando un paio di cuffie dedicate principalmente all’ascolto di musica, film, podcast o audiolibri che magari possano rimanere inserite nel vostro orecchio anche durante l’attività sportiva. Se invece la vostra priorità sono le chiamate, probabilmente non fanno al caso vostro.

Realme Buds Q

Pro Pros Icon
  • Super leggere
  • Design confortevole
  • Buona qualità del suono
Contro Cons Icon
  • Modalità gaming poco convincente
  • Chiamate sottotono

Erika Gherardi

Amante del cinema, drogata di serie TV, geek fino al midollo e videogiocatrice nell'anima. Inspiegabilmente laureata in Scienze e tecniche psicologiche e studentessa alla magistrale di Psicologia Clinica, dello Sviluppo e Neuropsicologia.
                   










 
Sì, iscrivimi alla newsletter!
close-link