!function(f,b,e,v,n,t,s){if(f.fbq)return;n=f.fbq=function(){n.callMethod? n.callMethod.apply(n,arguments):n.queue.push(arguments)};if(!f._fbq)f._fbq=n; n.push=n;n.loaded=!0;n.version='2.0';n.queue=[];t=b.createElement(e);t.async=!0; t.src=v;s=b.getElementsByTagName(e)[0];s.parentNode.insertBefore(t,s)}(window, document,'script','https://connect.facebook.net/en_US/fbevents.js');
panda riconoscimento facciale

Riconoscimento facciale: una nuova sfida per la privacy degli utenti
Panda Security ha analizzato la diffusione di questa tecnologia, in particolare in Italia


Un numero sempre crescente di dispositivi tecnologici utilizza il riconoscimento facciale. Questa tecnologia è sempre più diffusa ed è destinata a diventare un punto di riferimento per tantissimi utenti nel corso del prossimo futuro. Con la sua diffusione, però, il riconoscimento facciale porta con sé alcuni dubbi in merito alla privacy. Panda Security ha analizzato questa tecnologia, i rischi per la privacy e la sua diffusione. 

Il riconoscimento facciale è una nuova sfida per la privacy

Il riconoscimento facciale rappresenta una nuova sfida per la privacy. Nonostante tale tecnologia sia ancora in perfezionamento, infatti, il suo utilizzo è in costante crescita. Al momento, inoltre, le tutele alla privacy garantite dalla legge in tema di riconoscimento facciale sono ancora limitate.

La situazione in Italia

In Italia, il riconoscimento facciale, al netto di alcuni tentativi che non hanno riscosso successo nella pubblica amministrazione, non è ancora stato introdotto su larga scala. Al momento, come sottolinea Panda Security, l’Italia è il Paese europeo più impreparato alla salvaguardia della privacy, in particolare nell’uso dei sistemi di sorveglianza biometrica.

In Italia non è possibile revocare il proprio consenso all’utilizzo di questi sistemi con i propri dati biometrici. I cittadini non possono richiede la rimozione di foto segnaletiche e dati identificativi alle forze dell’ordine o alla pubblica amministrazione. Da notare, invece, che c’è la possibilità di limitare l’utilizzo da parte delle aziende private.

In futuro, in ogni caso, sarà necessario, in Italia come in Europa, dotarsi di strumenti giuridici specifici per salvaguardare la privacy dei dati biometrici e garantire l’utilizzo corretto dei sistemi di riconoscimento facciale, sia in ambito pubblico che, soprattutto, in ambito privato.

Apple iPhone 11 Pro (64GB) - Oro
  • Resistente alla polvere e all’acqua (4 metri fino a 30 minuti, IP68)
  • Sistema a tripla fotocamera da 12MP (ultra-grandangolo, grandangolo e teleobiettivo) con modalità Notte, modalità...
  • Fotocamera anteriore TrueDepth da 12MP con modalità Ritratto, registrazione video 4K e slow‐motion

Davide Raia

                   










 
Sì, iscrivimi alla newsletter!
close-link