fbpx
NewsTech

Signal chiede donazioni agli utenti per sostenere il servizio

Ecco come funzionano le donazioni

Signal ha introdotto una nuova funzione che consente agli utenti dell’app di poter effettuare donazioni alla piattaforma. Si tratta di un sistema essenziale per poter garantire all’app, che fa della tutela della privacy il suo punto di forza tanto da essere utilizzata anche da attivisti del settore come Edward Snowden, la possibilità di rendere sostenibile nel tempo il servizio.

Signal chiede donazioni agli utenti per non inserire pubblicità e servizi premium

Le donazioni possono rappresentare uno strumento essenziale per garantire il corretto funzionamento di Signal. L’applicazione di messaggistica, infatti, ha chiarito che la possibilità per gli utenti di effettuare donazioni permetterà di evitare l’introduzione della pubblicità o di servizi premium per poter rendere sostenibile il servizio nel lungo periodo. Con una piccola donazione, quindi, gli utenti potranno sostenere il corretto funzionamento del servizio che in futuro potrà arricchirsi di nuove funzionalità.

Ecco come donare

Gli utenti di Signal hanno la possibilità di effettuare donazioni in vari modi. È possibile, ad esempio, effettuare donazioni una tantum oppure impostare una quota fissa mensile da donare. Le donazioni possono avvenire tramite Google Pay ed Apple Pay. Al momento, le donazioni sono state attivate per il mercato statunitense ma sono in arrivo per tutti gli utenti.

L’app consente donazioni da 5, 10 o 20 dollari. Impostando una donazione periodica, inoltre, il rinnovo automatico verrà interrotto se l’utente disinstalla l’app oppure se non la utilizza per un mese. Ricordiamo che il funzionamento applicazione è garantito dalla Signal Foundation.

   

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button