CulturaFotografiaNews

Sony World Photography Awards 2019: denuncia sociale per l’India

La 12° edizione vede l’italiano Federico Borella nominato “Fotografo dell’anno” con il servizio “Five Degrees” sulla popolazione indiana

La World Photography Organisation ha reso noti i nomi dei vincitori di uno dei concorsi fotografici più prestigiosi al mondo, i Sony World Photography Awards.
È stato uno dei migliori anni di questa manifestazione, battendo qualsiasi altro record di partecipazione, con 326.997 candidature, presentate da fotografi originari di 195 paesi.

Sony Awards, cultura fotografica e denuncia sociale

Come ogni anno l’obiettivo dei Sony World Photography Awards è quello di promuovere lo sviluppo continuo della cultura fotografica. Con questa ormai celebre iniziativa, Sony, vuole rendere omaggio ai progressi più significativi nel settore, sia attraverso l’assegnazione del riconoscimento “Outstanding Contribution to Photography”, sia attraverso talent scouting di neo artisti o professionisti nelle varie categorie: Professionisti, Open, Giovani o Student.

A fronte di questo impegno, la casa nipponica mette a disposizione, ad una rosa selezionata di vincitori dei concorsi Student e Professionisti, un programma di sovvenzioni interessante per lo sviluppo dei loro progetti personali.
Il concorso fa parte di una delle iniziative della World Photography Organisation, che promuove i fotografi più talentuosi ed i migliori di scatti di tutto il mondo, per difendere la cultura dell’arte fotografica.
Se volete saperne di più, vi rimandiamo al sito ufficiale .

L’organizzazione ha un ricco calendario di eventi annuali, tra cui PHOTOFAIRS, una serie di fiere artistiche internazionali dedicate alla fotografia, ed i Sony World Photography Awards. Ecco i vincitori di questa edizione!

Federico Borella: Fotografo dell’anno

© Federico Borella, Italy, 1st Place, Professional competition, Documentary, 2019 Sony World Photography Awards

Durante la cerimonia di premiazione, svoltasi a Londra, Federico Borella è stato premiato con il titolo “Fotografo dell’anno”, vincendo un premio di 25.000 dollari. L’artista bolognese, 35 anni, ha presentato una serie di scatti denominata “Five Degrees”.
La giuria ha scelto l’opera per la sensibilità, l’eccellenza tecnica e la capacità di mettere in luce con espressione artistica un problema di portata mondiale.

La serie Five Degrees, che potete visionare qui , racconta il grave problema dei suicidi maschili nella comunità agricola di Tamil Nadu, sud dell’India, che proprio in questo periodo è colpita dalla più grave siccità degli ultimi 140 anni.

Federico è partito da uno studio dell’università di Berkley, dove si spiega la correlazione tra il cambiamento climatico e l’aumento del numero di suicidi trai contadini indiani, ed ha esplorato l’impatto dei fenomeni di “climate change” sulla popolazione, raccogliendo la testimonianza di questo viaggio con immagini vivide e toccanti del paesaggio, dei ricordi dei defunti, e di attimi significanti dei loro cari ancora in vita.

“Alla luce dei drammatici e sempre più rapidi effetti del riscaldamento globale, soprattutto nei paesi in via di sviluppo e sottosviluppati, c’è sempre più bisogno del lavoro di artisti come Borella”, ha dichiarato Mike Trow, presidente del concorso Professionisti.

Christy Lee Rogers: Fotografa dell’anno concorso Open

Nella categoria Open fanno da padrone l’efficacia narrativa e le caratteristiche tecniche di scatti singoli.
La fotografa hawaiana Christy Lee Rogers è stata proclamata “Fotografa dell’Anno Concorso Open”, ed ha ricevuto un premio in denaro di 5.000 dollari.

La sua premiazione è dovuta allo scatto “Harmony”, una scena eterea di ispirazione barocca, sfruttando chiaroscuri, colore e movimento dei corpi immersi sott’ acqua.

“È un onore per me ricevere questo riconoscimento fotografico, visto che per tanti anni sono stata quasi sempre descritta come pittrice o come artista appartenente a qualche categoria sconosciuta. Sono grata di far parte del mondo della fotografia e riconoscente per lo splendido premio ricevuto!” ha commentato Christy Lee Rogers.

Zelle Westfall: Fotografo dell’anno concorso Giovani

Più giovane tra i vincitori di quest’anno, a soli 18 anni, Zelle Westfall, studentessa americana di Atlanta, è stata premiata per lo scatto “Abuot”, un’immagine intensa ed evocativa incentrata sul tema della “Diversità”

Abuot è un’amica di scuola ed è una delle persone più simpatiche che conosca. Nella società di oggi, con la vendita dei prodotti sbiancanti e il “colorismo” che dilaga sui mezzi di comunicazione, è importante evidenziare la bellezza delle donne di pelle scura, cui viene spesso detto che sono “troppo scure” ha dichiarato Westfall.

Sergi Villanueva: Fotografo dell’anno concorso Student

Lo studente spagnolo Sergi Villanueva è stato scelto per la serie di scatti “La Terreta, an evocative portrayal of his homeland through the local orange farming and harvesting process”.

Grazie alla sua vittoria, l’istituto universitario Universidad Jaume I, che Sergi rappresentava, ha ricevuto in premio un set di apparecchiature fotografiche Sony del valore di 30.000 euro.

“In Valenciano, c’è una parola che descrive l’orgoglio per la terra a cui appartengo: La Terreta. Una sensazione che ci circonda tutti, far parte di La Terreta è amare le nostre radici, la ricchezza della nostra terra, la nostra cultura, la nostra gente, la nostra identità. Ogni volta che vado a La Terreta c’è un cartello che vedo sulla strada che mi accoglie a casa: gli aranceti. Questo è il motivo per cui in questa serie mi sono concentrato sulla cattura della vita quotidiana intorno agli alberi di arancio. Dai contadini che piantano e si prendono cura degli alberi per raccogliere i frutti, alle donne che scelgono le arance che finiranno in tutto il mondo. L’arancio è l’essenza della mia terra, mantiene il sentimento di appartenenza e lascia la porta aperta alle generazioni future, diffondendo un messaggio sul valore di prendersi cura di ciò che la natura ci offre come parte della nostra identità” spiega Sergi Villanueva.

Nadav Kander: Outstanding Contribution to Photography

Ultimo ma non per importanza il riconoscimento “Honoris Causa” della fotografia. In termini di artisti contemporanei sulla scena fotografica mondiale, Nadav Kander, è annoverato come fotografo di maggior successo della propria generazione. Le sue opere spaziano tra i generi più disparati, dai paesaggi d’atmosfera ai ritratti di personaggi celebri.

L’onorificenza speciale conferita a Kander vuole essere un riconoscimento per suo contributo prestato al mezzo della fotografia.

Tutte le foto dei vincitori e finalisti delle categorie Professional

© Maela Ohana, Canada, 3rd Place, Professional competition, Wildlife , 2019 Sony World Photography Awards

Tutti gli artisti elencati di seguito sono stati selezionati dalla giuria di esperti per le migliori serie di immagini (da 5 a 10 scatti) sul piano delle competenze artistiche e tecniche. Potete trovare per ognuno di loro, il link alle loro opere sul sito ufficiale della World Photography Organisation.

Architettura: Vincitore: Stephan Zirwes, Germania, per la serie Cut Outs – Pools 2018

2° posto Tuomas Uusheimo, Finlandia / 3° posto Peter Franck, Germania

Cut Outs – Pools 2018

Brief: Vincitore: Rebecca Fertinel, Belgio, per la serie Ubuntu – I Am Because We Are

2° posto Christina Stohn, Germania / 3° posto Edward Thompson, Regno Unito

Ubuntu – I Am Because We Are

Fotografia creativa: Vincitore: Marinka Masséus, Paesi Bassi, per la serie Chosen [not] to be

2° posto Leah Schretenthaler, Stati Uniti / 3° posto Pol Kurucz, Francia

Chosen [not] to be

Scoperta: Vincitore: Jean-Marc Caimi e Valentina Piccinni, Italia, per la serie Güle Güle

2° posto Boyuan Zhang, Cina continentale / 3° posto Karina Bikbulatova, Russia

Gule Gule

Fotografia Documentaria: Vincitore: Federico Borella, Italia, per la serie Five Degrees

2° posto Brent Stirton, Sudafrica / 3° posto Mustafa Hassona, Palestina

Five Degrees

Paesaggio: Vincitore: Yan Wang Preston, Regno Unito, per la serie To the South of the Colourful Clouds

2° posto Marco Kesseler, Regno Unito / 3° posto Kieran Dodds, Regno Unito

To the South of the Colourful Clouds

Natura e animali selvatici: Vincitore: Jasper Doest, Paesi Bassi, per la serie Meet Bob

2° posto Christian Vizl, Messico / 3° posto Maela Ohana, Francia

Meet Bob

Ritratto: Vincitore: Álvaro Laiz, Spagna, per la serie The Edge

2° posto Massimo Giovannini, Italia / 3° posto Laetitia Vançon, Francia

The Edge

Sport: Vincitore: Alessandro Grassani, Italia, per la serie Boxing Against Violence: The Female Boxers Of Goma

2° posto Kohei Ueno, Giappone / 3° posto Thomas Nielsen, Danimarca

Boxing Against Violence: The Female Boxers of Goma

Natura morta: Vincitore: Nicolas Gaspardel e Pauline Baert, Francia, per la serie Yuck

2° posto Yiming Zhang, Cina continentale / 3° posto Cletus Nelson Nwadike, Svezia

Yuck

Partecipa ai Sony World Photography Awards

Vuoi partecipare alla prossima edizione dei Sony World Photography Awards?

L’iscrizione è gratuita e potete farla sul sito ufficiale dell’organizzazione: World Photography Organisation
a partire dal 1 Giugno 2019.

Tags

Alessandro Santucci

Videogiocatore nato, perito informatico, lettore, nerd, imprenditore digitale.. Mi piace definirmi "Apprendista": un apprendista multidisciplinare, essere apprendisti è uno stile di vita, non si smette mai di imparare.
Next Article
Close

Adblock Rilevato

Considera di supportarci disabilitando il tuo adblocker