fbpx
Recensioni VideogiochiVideogiochi

La demo di WarioWare per Switch: Wario è tornato più arrabbiato che mai

Mancano ancora alcune settimane all’uscita per Nintendo Switch di WarioWare: Get It Together!. Già da qualche giorno è però disponibile una versione demo del gioco, gratuita e pensata per permettere a tutti di avere un assaggio di questo titolo prima di decidere se acquistarlo o meno. Anche noi abbiamo approfittato di questa occasione per provare il gioco. Ecco quindi di seguito cosa abbiamo appreso giocando alla demo di WarioWare per Nintendo Switch.

La nostra prova della demo di WarioWare per Nintendo Switch

WarioWare: Get It Together! non fa eccezione rispetto ai precedenti titoli della serie, partita nel 2003 per il Game Boy Advance e il GameCube e proseguita passando per tutte le console fisse e portatili di Nintendo. Gli elementi portati sono infatti sempre gli stessi: rompicapi, frenesia e stranezza.

La demo propone “in piccolo” quella che sarà la modalità di gioco principale: un susseguirsi di puzzle semplici ma da risolvere molto velocemente, uno di seguito all’altro. Il poco tempo necessario per ogni puzzle, scandito dal ritmo frenetico della musica, incalza il giocatore in ogni sua mossa. Perdere un puzzle vuol dire perdere una delle quattro vite a disposizione. Lo scopo è quello di risolvere quanti più rompicapi possibile prima di aver finito tutte le vite.

Le sfide proposte, man mano che si fanno tentativi, diventano sempre più familiari e riconoscibili a colpo d’occhio Ma il gioco non ci permette di dormire sugli allori, visto che man mano che si va avanti la velocità e la difficoltà aumentano. C’è inoltre un altro elemento che complica il gioco, rendendolo però anche più vario: per risolvere i puzzle dovremo utilizzare una squadra di personaggi, ognuno con capacità di movimento e poteri diversi. I personaggi sono utilizzati a rotazione, non permettendoci di sceglierne uno in particolare per risolvere il puzzle del momento. Oltre alla difficoltà di identificare il puzzle c’è quindi anche quella di capire al volo come utilizzare quel determinato personaggio in quel determinato contesto.

demo WarioWare Nintendo Switch peli

Abbiamo accennato anche alla stranezza, che caratterizza esteticamente molti aspetti del gioco. I personaggi, ma soprattutto le sfide e gli sfondi, hanno infatti spesso un aspetto abbozzato, assurdo o grottesco, dettato da un umorismo molto giapponese. Un discorso che vale anche per i temi delle sfide: dovremo infatti strappare i peli delle ascelle ad un uomo muscolo, oppure scacciare delle mosche da dei luoghi improbabili, o ancora acchiappare dei pesci-elicottero per sfamare dei gatti angelici.

Provare non costa nulla

Nonostante sia solo una demo, con quindi solo una selezione dei personaggi e dei giochi disponibili, ci siamo divertiti molto a provarla. I personaggi sono sbloccati man mano che si gioca, e il loro utilizzo è introdotto in maniera progressiva e accessibile a tutti. Anche una volta sbloccati tutti e sette i personaggi, ci può divertire a lungo provando a battere il proprio record personale o sfidando un’altra persona sia dalla stessa console che in locale con due console Nintendo Switch diverse.

Trattandosi una demo gratuita, il nostro consiglio è quello di andare sull’eShop di Nintendo, scaricarla e provarla. Siamo sicuri che, come noi, poi non vedrete l’ora di giocare al titolo completo.

WarioWare: Get It Together!
  • Il ritorno della storica saga spin-off di Super Mario, ora su Nintendo Switch
  • Più di 200 frenetici e inediti minigiochi tutti da ridere
  • Affronta i minigiochi da solo o in compagnia dei tuoi amici, sulla stessa console o tramite wireless locale

Giovanni Natalini

Ingegnere Elettronico prestato a tempo indeterminato alla comunicazione. Mi entusiasmo facilmente e mi interessa un po' di tutto: scienza, tecnologia, ma anche fumetti, podcast, meme, Youtube e videogiochi.

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button