fbpx

WhatsApp: in arrivo l’integrazione con Touch ID e Face ID


Finalmente WhatsApp sembra pronto ad evolversi, proponendo una nuova funzionalità che sarà disponibile solo sulla versione iOS della famosa applicazione di messaggistica istantanea: il supporto al Touch ID e al Face ID.

WhatsApp e l’ingragrazione con Face ID e Touch ID

Stando al sito WaBetaInfo, lo stesso che qualche giorno fa aveva anticipato la “Vacation Mode”, gli utenti potranno sfruttare i due sistemi di autenticazione per impedire l’accesso a tutti coloro che non sono autorizzati.

Volete attivare questa feature? Al momento purtroppo non è possibile, ma niente paura: dovrebbe arrivare a breve. Per utilizzarla vi basterà recarvi nelle impostazioni della privacy, localizzare le voci legate al Touch ID e al Face ID e selezionare quella che preferite. Una volta dato l’ok, WhatsApp richiederà l’autenticazione ad ogni accesso, così i classici amici o parenti curiosoni non potranno sbirciare le vostre conversazioni.

Cosa succede però se Touch ID o Face ID non funzionano? Niente panico: vi basterà inserire il codice numerico con cui sbloccate il vostro iPhone.

Vi segnaliamo infine che nessuna informazione legata alle vostre impronte o al vostro PIN verrà inviata a WhatsApp. Le API di iOS infatti proteggono i vostri dati e impediscono vengano diffusi al di fuori del vostro smartphone.

Face ID e Touch ID: chi potrà usarli?

Lo so, a questo punto volete sapere quali sono i device compatibili. È presto detto:

  • il Touch ID sarà disponibile su tutti i dispositivi che hanno iOS 8 e successivi e che integrano un lettore d’impronte;
  • il Face ID sarà disponibile su iPhone X, iPhone Xr, iPhone Xs e iPhone Xs Max.

Entrambe le funzioni saranno inoltre ereditate anche da WhatsApp Business.


Erika Gherardi

author-publish-post-icon
Amante del cinema, drogata di serie TV, geek fino al midollo e videogiocatrice nell'anima. Inspiegabilmente laureata in Scienze e tecniche psicologiche e studentessa alla magistrale di Psicologia Clinica, dello Sviluppo e Neuropsicologia.
                   










 
Sì, iscrivimi alla newsletter!
close-link