fbpx
NewsTech

Alexa: 1700 file audio mandati da Amazon alla persona sbagliata

Le registrazioni di una persona sono state ricevute erroneamente da un altro utente Amazon

Chi possiede un assistente vocale come Alexa probabilmente lo usa per molti aspetti della propria vita, dal riprodurre musica, all’impostare promemoria, fino al controllare gli oggetti connessi presenti in casa. Le registrazioni dei vari comandi dati sono conservate da Amazon, e sono a disposizione dell’utente in una specie di cronologia, che può essere visionata e modificata se lo si desidera.

Ma cosa succederebbe se per sbaglio qualcun’altro avesse accesso a questa raccolta di registrazioni? È esattamente quello che è successo in Germania, dove un utente Amazon, dopo aver richiesto il download dei suoi dati da parte del sito di e-commerce, ha scoperto di avere accesso anche a 1.700 registrazioni di Alexa di un’altra persona.

Quanto dicono di te 1.700 file audio di Alexa

Dopo aver contattato inutilmente Amazon, la quale si è semplicemente limitata a cancellare i file dal server, l’utente ha sentito gli esperti di C’ti quali hanno ascoltato gli audio per provare ad identificare il loro ‘proprietario’ ed avvertirlo della vulnerabilità. Attraverso informazioni come i nomi di persona utilizzati e le previsioni meteo richieste, è stato possibile identificare molto velocemente lo sfortunato utente, il quale non era stato informato fino a quel momento da Amazon della falla di sicurezza.

amazon-echo-equalizzatore-media-0

Ieri Amazon ha finalmente rilasciando la seguente dichiarazione: “Si è trattato di uno sfortunato caso di errore umano, e di un incidente isolato. Abbiamo risolto la faccenda con entrambi gli utenti coinvolti, e ci siamo mossi per migliorare ulteriormente i nostri sistemi [di sicurezza]. Siamo inoltre in contatto, in via precauzionale, con le autorità regolatrici competenti“.

Per ora non sappiamo se altri utenti sono stati coinvolti in incidenti simili, ma questo caso aggiunge sicuramente un tassello nel discorso degli assistenti vocali sempre connessi, diviso tra convenienza sicurezza.

[amazon_link asins=’B0792HCFTG,B07H3CV89C,B07BRH8169′ template=’ProductCarousel’ store=’gamspri02-21′ marketplace=’IT’ link_id=’a700fa5d-0512-11e9-a1e7-81ea0142cac5′]

Via
Business InsiderIl Disinformatico
Source
Heise.de

Giovanni Natalini

Ingegnere Elettronico prestato a tempo indeterminato alla comunicazione. Mi entusiasmo facilmente e mi interessa un po' di tutto: scienza, tecnologia, ma anche fumetti, podcast, meme, Youtube e videogiochi.

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button