fbpx
AirPower

Apple cancella AirPower, la sua soluzione per la ricarica wireless


Dopo molte promesse, rinvii e silenzi, Apple ha dichiarato ieri, attraverso Dan Riccio, di aver abbandonato il progetto di AirPower, in quanto “non in grado di raggiungere i nostri standard”. La tecnologia, anticipata già nel 2017 e citata addirittura recentemente nelle confezioni dei nuovi AirPods dotati di ricarica wireless, è quindi definitivamente morta prima di nascere.

Vita, morte e miracoli (non pervenuti) di AirPower

AirPower doveva essere la tecnologia di ricarica proprietaria di Apple, capace di aggiunge qualcosa in più alla normale esperienza di wireless charging. La compagnia l’aveva annunciata nel 2017, alla presentazione del iPhone X e del suo supporto alla ricarica senza fili. La promessa era quella di un tappetino intelligente capace di ricaricare più dispositivi assieme (iPhone, Apple Watch e AirPods) senza problemi particolari di posizionamento e con la possibilità di vedere lo stato di ricarica di tutti i device direttamente dallo schermo del telefono, in comunicazione con il caricatore.

La tecnologia però non era evidentemente pronta, e lo stesso iPhone era intanto compatibile con lo standard di ricarica Qi, diffuso già da tempo tra i cellulari Android di alta fascia. Già per questo all’epoca ci furono molte perplessità, riguardanti il fatto che AirPower avrebbe dovuto competere con altri wireless charger certamente con meno features, ma più economici e ugualmente funzionali. Apple è inoltre incappata in problemi tecnici, legati al design a multi-spira per permettere la ricarica senza un posizionamento preciso, i quali avrebbe causato un surriscaldamento del dispositivo.

Passano i mesi, e il lancio, inizialmente previsto per il 2018, viene rimandato indefinitivamente. Non ci sono novità durante il keynote di settembre, ma sulla stessa confezione del case per AirPods con ricarica wireless si continua a parlare di AirPower, a sottolineare quanto recente sia la decisione di cancellare il progetto.

Dan Riccio Apple

Cancellazione confermata Dan Riccio, Vice-presidente Senior della divisione Hardware Engineering di Apple, che ha dichiarato: “Dopo molti sforzi, abbiamo concluso che AirPower non raggiunge i nostri standard più alti, ed abbiamo cancellato il progetto. Ci scusiamo con quei clienti che attendevano questo lancio. Continuiamo a credere che il futuro sia wireless e siamo determinati a spingere verso un’esperienza senza fili.

Anche se è certamente meglio cancellare un prodotto prima del lancio che dopo, è comunque una mossa particolarmente strana da parte di Apple, sopratutto per un prodotto così anticipato e discusso. Ma come abbiamo visto recentemente, la compagnia, per compensare il calo di vendite degli iPhone, ha deciso di puntare molto sui servizi. In quest’ottica, probabilmente investire ulteriormente su un prodotto hardware incompleto e dalle caratteristiche non per forza migliori della molto più economica competizione sarebbe stata una mossa sbagliata da parte dell’azienda. Rimane comunque una sorpresa, che sicuramente rimarca ulteriormente il cambio di passo della casa del melafonino.

[amazon_link asins=’B07HMFCS5G,B07NLMX2CP,B07HKRD1JV’ template=’ProductCarousel’ store=’gamspri02-21′ marketplace=’IT’ link_id=’cde6c203-c2a9-4d9d-8a32-6ffb54ec0e10′]

Giovanni Natalini

author-publish-post-icon
Ingegnere Elettronico prestato a tempo indeterminato alla comunicazione. Mi entusiasmo facilmente e mi interessa un po' di tutto: scienza, tecnologia, ma anche fumetti, podcast, meme, Youtube e videogiochi.
                   










 
Sì, iscrivimi alla newsletter!
close-link