fbpx
HotNewsTech

Clubhouse arriva su Android in tutto il mondo

L'App di Clubhouse per Android arriva finalmente in Italia (e non solo)

Dopo tanta attesa, finalmente la scorsa settimana negli Stati Uniti è arrivata l’App di Clubhouse su Android. E ora, stando a quanto annunciato ieri dalla piattaforma, nel corso dei prossimi giorni l’applicazione sarà distribuita in tutto il mondo. A partire da domani, infatti, l’App sarà disponibile in Brasile, Giappone e Russia. Venerdì, invece, arriverà in India e Nigeria. E poi, nel corso della settimana, anche nel resto del mondo. Il che significa soltanto una cosa: a breve anche gli utenti Android in Italia avranno finalmente l’occasione di provare l’esperienza audio di Clubhouse.

Clubhouse: l’App Android a breve disponibile in tutto il mondo

Tutti conosciamo bene la storia di Clubhouse. Disponibile soltanto per gli utenti iOS nel corso del primo anno del lancio, l’App è riuscita a guadagnarsi un seguito davvero incredibile, raggiungendo in breve tempo i 10 milioni di utenti. Di recente, infatti, la piattaforma è stata valutata 4 miliardi di dollari, dopo aver ricevuto un sostanzioso round di finanziamento. E per quanto tutto possa sembrare bellissimo, è innegabile che in queste ultime settimane Clubhouse abbia subito non poco le azioni dei social competitor. In particolare, Twitter e Discord stanno dando non poco filo da torcere alla piattaforma, che di recente ha visto letteralmente crollare i suoi download.

È abbastanza chiaro, allora, che lanciare un’App di Clubhouse su Android possa aiutare il social a riprendersi da questo pessimo periodo. Al di là dei numeri bassi, la piattaforma è stata anche molto criticata per via dell’accesso esclusivamente su invito e per non aver ancora integrato sottotitoli che ne permettano l’uso a utenti non udenti e/o ipoudenti. Nonostante questo, l’applicazione si è molto concentrata sui creator, nel tentativo di dare una scossa al suo pubblico. Il CEO Paul Davidson ha anche annunciato che a breve la piattaforma aggiungerà abbonamenti ed eventi a pagamenti, così da incentivarne i guadagni. Ma davvero tutto questo basterà per far tornare Clubhouse nell’Olimpo dei social?

Chiara Crescenzi

Editor compulsiva, amante delle serie tv e del cibo spazzatura. Condivido la mia vita con un Bulldog Inglese, fonte di ispirazione delle cose che scrivo.

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button