fbpx
nintendo playstation

Le offerte per la “Nintendo Play Station” superano già i 200mila dollari


Nintendo PlayStation “: già il nome occupa un posto speciale nella storia dei giochi. Oggi ancor di più, visto che per potersi accapparrare uno fra i pochissimi modelli rimasti in circolazione, al momento all’asta vale più di 200 mila dollari. I suoi attuali proprietari hanno spiegato come se la siano accapparrata: in un’asta fallimentare che includeva articoli dell’ex CEO della Sony, Olaf Olafsson. Ma per appreazzare appieno il valore di questo tesoro degli anni ’90, dobbiamo fare un passo indietro.

Nintendo PlayStation: quando nacque la leggenda

La casa giapponese Nintendo, al tempo, rivaleggiava con Sega (e stava anche vincendo,) quando Sony andò a bussare alla sua porta. Sony era una superpotenza dell’intrattenimento e stava quindi pensando di espandere il proprio impero, puntando proprio alle console, settore non ancora di sua competenza. Voleva avvicinarsi gradualmente al mercato, magari scegliendo un partner di livello. Grazie a console come Nintendo e Super Nintendo e a serie come Super Mario e The Legend of Zelda, Nintendo sembrava proprio la candidata perfetta e la protagonista indiscussa del mercato.

Nintendo accettò la proposta di collaborazione con Sony. Da qui nacque un primo prototipo, quella Nintendo PlayStation che però non vide mai la luce.

nintendo playstation asta Pertanto, procurarsi oggi questa reliquia, è estremamente costoso. Non sono rimasti molti esemplari e oggi l’asta batte tranquillamente un minimo di $ 205.000. Chi pagherebbe una cifra simile? Tanto per incominciare il fondatore di Oculus VR, Palmer Luckey. Infatti, proprio lui è stato beccato a twittare che è uno fra i migliori offerenti d’asta.

Alla fine dell’anno scorso i Diebolds hanno annunciato che avrebbero lasciato che “il mercato determinasse l’andamento dell’asta”, stabelendo in completa autonomia quanto possa valere questa console. Non è stato ancora elencato un prezzo di riserva, come sarà rivelato il 27 febbraio, ma i proprietari hanno già dichiarato di aver rifiutato un’offerta di $ 1,2 milioni.

Le offerte dal vivo si terranno il 6 marzo, quindi potreste avere ancora un po’ di tempo per raccimolare i vostri risparmi e fare un’offerta.

AGGIORNAMENTO DEL 15/02

Al momento l’asta – che potete seguire qui – ha raggiunto i 350.000 dollari. Vi sembrano tanti? Sappiate che mancano ancora 20 giorni al termine, quindi potremmo raggiungere cifre ben più alte.


Elisa Erriu

author-publish-post-icon
"Lo scrivere" è il suo mestiere. Ma oltre alla coltre delle sue varie esperienze giornalistiche e dei suoi Master, c'è un mondo fatto di fantasy, anime, film, videogame, musica, Ichnusa, My Little Pony e oggettistica del Re Leone (l'originale!). Attenzione: se pronunciate per tre volte il suo nome giapponese, apparirà alle vostre spalle.
                   










 
Sì, iscrivimi alla newsletter!
close-link