fbpx

Qualcomm è un nome molto noto per chiunque si interessi di tecnologia.
L’azienda americana, infatti, è da anni leader nella produzione di SoC e componenti per smartphone, tablet e recentemente anche PC.
Nonostante quello dei SoC Snapdragon per mobile sia il suo core business, l’azienda di San Diego negli ultimi anni sta spingendo molto sulla produzione di componentistica per il mondo automotive.
Ecco perchè al CES 2020 di Las Vegas sono state presentate numerose novità in questo ambito.
Tra queste, è incluso anche il prosieguo della collaborazione tra la stessa Qualcomm e General Motors.

Qualcomm e General Motors: insieme per la guida del futuro

La partnership tra Qualcomm e General Motors è ormai decennale, ed è ancora lungi dal concludersi.
La Casa americana ha infatti deciso di avvalersi ancora dell’aiuto di Qualcomm per la produzione di una serie di tecnologie per migliorare i propri sistemi di sicurezza, oltre che quelli di bordo.
Con questa collaborazione, le due aziende mirano ad offrire veicoli di nuova generazione sicuri e intelligenti.
I fronti su cui collaboreranno saranno infatti la tecnologia di cruscotti digitali, la telematica di bordo ma, soprattutto, sui sistemi di sicurezza alla guida, attivi e passivi.

Qualcomm e General Motors Chevy Bolt

“Mentre entriamo in una nuova era di innovazione basata sul calcolo a basso consumo e sull’intelligenza artificiale ad alte prestazioni, siamo entusiasti di poter estendere la nostra partnership decennale con GM al cockpit digitale e ai sistemi ADAS”, ha affermato il presidente di Qualcomm Cristiano Amon.

Per ora su questo fronte non abbiamo ancora avuto informazioni sui singoli prodotti, ma sicuramente vedremo i frutti di questo lavoro sui prossimi modelli Chevrolet, Cadillac e gli altri marchi della galassia GM.

Le altre novità di Qualcomm: Snapdragon Ride e aptX audio e voce

Ovviamente, la collaborazione tra Qualcomm e General Motors non è stata l’unica novità portata al CES.
Per cominciare, l’azienda americana ha presentato la nuova piattaforma Snapdragon Ride.
Questo sistema, alla sua prima generazione, racchiude al suo interno le famiglie di SoC Snapdragon Ride Safety, Snapdragon Ride Safety Accelerator e Snapdragon Ride Autonomous Stack utilizzati per la gestione della guida autonoma.

Qualcomm e General Motors Snapdragon Ride

Questo sistema si propone di essere una soluzione scalabile, aperta e personalizzabile per la guida autonoma.
Snapdragon Ride è quindi capace di adattarsi a un gran numero di clienti e di applicazioni diverse.
Sarà quindi possibile accelerare l’implementazione della guida autonoma ad alte prestazioni su alta scala, dai clienti privati alle consegne ai servizi di taxi.

Qualcomm ha poi lanciato il suo nuovo chip Dual-MAC WiFi 5 con velocità fino a 1 Gbps e dotato del Bluetooth 5.1, che va a posizionarsi nella line-up già esistente di chip WiFi e Bluetooth dell’azienda.
Insieme a questo nuovo chip viene infine lanciata la tecnologia atpX audio e atpX Voice, in grado di alzare enormemente la qualità delle chiamate e dello stream della musica a bordo dell’auto.

L’auto e la connessione con il mondo esterno: le proposte di Qualcomm 

Qualcomm grazie alla sua grande esperienza nel mondo mobile ha presentato due servizi di connessione automotive.
Il primo è il servizio Car-to-Cloud, il primo pensati ad hoc per l’auto connessa.
Questo, sfruttando le connessioni 4G e 5G, si propone di aiutare le Case a mantenere aggiornate le proprie vetture.
Tramite la connessione ad internet, infatti, sarà possibile effettuare aggiornamenti OTA o raccogliere dati sul veicolo.
Ma non solo. Sarà anche possibile sbloccare delle funzionalità senza recarsi in concessionaria, o usufruire di contenuti pay-as-you-use.

Qualcomm e General Motors Car-To-Cloud

Il secondo sistema sarà, invece, una piattaforma per veicoli e infrastrutture, in modo da accelerare la diffusione del C-V2X. Che cos’è? È una tecnologia che permette di connettere i singoli veicoli alla rete stradale sia in termini di sicurezza che per opportunità per la mobilità.
La Cellular – Vehicle To Everything utilizzando le connessioni 4G, 5G e Wireless e mediante l’utilizzo della localizzazione GNSS è in grado di inviare messaggi tra le auto e le infrastrutture, per evitare situazioni di pericolo o ingorghi e potenziare ulteriormente la guida autonoma.

Le novità di Qualcomm portate al CES 2020 sono state quindi numerosissime, segno dell’impegno dell’industria dei processori Snapdragon nel settore automotive, sempre più tecnologico connesso.


Condividi la tua reazione

Rabbia Rabbia
0
Rabbia
Confusione Confusione
0
Confusione
Felicità Felicità
0
Felicità
Amore Amore
0
Amore
Paura Paura
0
Paura
Tristezza Tristezza
0
Tristezza
Wow Wow
0
Wow
WTF WTF
0
WTF
Giulio Verdiraimo

author-publish-post-icon
Ho 22 anni, studio Ingegneria e sono malato di auto. Di ogni tipo, forma, dimensione. Basta che abbia quattro ruote e riesce ad emozionarmi, meglio se analogiche! Al contempo, amo molto la tecnologia, la musica rock e i viaggi, soprattutto culinari!