fbpx
tesla model 3

Tesla Model 3: abbiamo provata la tecnologia di bordo (anche le funzioni matte!)


Tesla Model 3 è sicuramente uno dei modelli che più ha suscitato curiosità e interesse da parte del pubblico e della critica negli ultimi anni. Scomparsa dai riflettori da un po’ di tempo, ora questa vettura è realtà e abbiamo deciso di analizzare e farvi conoscere tutta la tecnologia a bordo di questo modello.

Tesla Model 3: interni e tecnologia

Tesla Model 3 nasce da un concept diverso da quello delle vetture tradizionali. Elon Musk,  CEO e product architect di Tesla, non nasce come costruttore di automobili, ma come amante dell’innovazione a 360° (non a caso è uno dei fondatori del colosso dei pagamenti PayPal). Questo gli ha permesso di approcciare il mondo dell’automotive in modo assolutamente inedito: Tesla infatti parte dalla tecnologia per poi dare vita al resto della vettura, una metodologia opposta a quella applicata da tutte le altre case costruttrici.  Tutto questo si traduce in una vettura – la Tesla Model 3 – che ruota attorno ad un hub centrale, situato al centro della plancia, e che si avvale di una marea di telecamere.

La plancia infatti è totalmetne scarna di bottoni, non c’è nulla: niente tasti, niente manopole, ghiere, niente direzionatori per le bocchette d’aria.

tesla model 3
La plancia di Tesla Model 3 non presenta bottoni o tasti se non un display da 15 pollici al dentro.

Non mancano poi altre accortezze come la chiave che ricorda una carta di credito e che vi permette di avviare l’auto tramite un sensore NFC posizionato sul montante sinistro della portiera, ma anche i due pin – lightning e USB-C – per la ricarica degli smartphone e la possibilità di integrare la ricarica wireless.

Meno tech, ma sempre d’impatto, il vetro panoramico che corre lungo tutta la superficie superiore della Model 3. Una scelta che non solo rende l’abitacolo più luminoso ma che un domani, con l’implementazione di nuovi sistemi legati alla guida autonoma, potrebbe aiutarvi a godervi il paesaggio mentre l’auto vi porta a destinazione.

Un display per tutto

tesla model 3

Torniamo però al cuore pulsante di questa vettura: il display da 15 pollici. Tesla ha deciso di eliminare praticamente qualsiasi pulsante a favore di un hub centrale che permette di gestire qualsiasi aspetto della vettura.

L’interfaccia è estremamente intuitiva: trovate qualsiasi comando in pochi attimi e non dovete essere esperti del settore per riuscire a regolare tutto in base alle vostre preferenze.  Ma tutto cosa? Da qui potete regolare le luci, accendere o spegnere i fari, avviare gli abbaglianti automatici, controllare il riscaldamento, definire la posizione del volante e persino aprire il portaoggetti. Non mancano anche opzioni legate alla guida vera e propria: l’hub vi consente di definire il tipo di accelerazione (Standard o Soft),  di decidere il comportamento dello sterzo (Comfort, Standard o Sport) e di scegliere tra frenata standard e rigenerativa.

tesla model 3L’Autopilot sulla Tesla Model 3

Come ogni Tesla che si rispetti, anche la Model 3 integra l’Autopilot, di serie su tutte le vetture del brand. Non fatevi però ingannare dal nome: in questo caso più che di un autopilota vero e proprio, si tratta di una guida autonoma di livello 2 (molto simile a quella che troviamo su vetture premium come Mercedes-Benz o BMW). È possibile  acquistare una versione Pro dell’Autopilot a circa 6700€ per ottenere funzioni più complesse come il sorpasso automatico o la possibilità di imboccare lo svincolo autostradale seguendo le indicazioni del navigatore.

Naturalmente se preferite essere voi al comando non c’è problema: l’Autopilot infatti deve essere attivato utilizzando la leva del cambio, il che vi consente di usarlo a vostro piacimento.

L’Autopilot rappresenta sicuramente un ottima assistenza alla guida ma ricordatevi di tenere sempre le mani sul volante perché la vettura non guida da sola.

tesla model 3Intrattenimento: Spotify, Netflix, Youtube e peti…

Utilizzando il display centrale è possibile accedere all’ampia selezione di applicazione pensate per l’intrattenimento dei passeggeri. Trovate la radio, Spotify e persino il Karaoke che visualizzerà il testo dei brani selezionati sullo schermo. A disposizione avete anche l’equalizzatore per calibrare al meglio l’impianto audio di Tesla Model 3.

Per passare invece il tempo, mentre aspettate qualcuno o attendente la ricarica dell’auto, ci sono Netflix, YouTube ed una serie di giochi, inclusi alcuni titoli che vi permetteranno di usare il volante e il freno dell’auto.

Una precisazione sulle funzionalità di intrattenimento pure: non sono selezionabili durante la guida ma solo e soltano quando l’auto è ferma.

Nella sezione “intrattenimento” non possiamo non citare una funzionalità folle e degna dei più simpatici burloni: Tesla Model 3 infatti puo essere impostata in modalità “fart mode“, una funziona simpatica per fare degli scherzoni esilaranti ai vostri amici. Una volta attivatà potrete scegliere di far petare la macchina a comando oppure semplicemente attivando l’indicatore direzionale. Una dettaglio goliardico che saprà intrattenere i vostri amici.

tesla model 3 peto

Sicurezza a bordo

Per quanto riguarda la sicurezza, il display è in grado di fornirvi tutte le informazioni necessarie. Non solo potrete utilizzare la telecamera grandangolare posteriore, ma l’auto saprà indicarvi, durante manovre e parcheggi, la distanza in centimetri da eventuali ostacoli, così saprete con precisione quanto spazio avete a disposizione.

tesla model 3
Sulla parte sinistra dell’interfaccia, potete vedere come Tesla Model 3 sia in grado di ricostruire ciò che vi circonda come vetture, camion, ciclisti, pedoni e configurazione stradale.

In marcia invece potrete contare un set di sensori che vi mostrano ciò che accade intorno a voi con grande precisione. Di base non è nulla che altre vetture con guida autonoma di livello 2 non facciano già: il plus offerto da Tesla Model 3 è la possibilità di vedere con i vostri occhi come funzioni tutto questo. Potrete quindi avere una ricostruzione tridimensionale della strada, con vetture, pedoni, strisce e così via.  Non pensate però che tutto questo sia solo un mero esercizio di stile: in realtà vi tornerà utile in condizioni di scarsa visibilità.

tesla model 3Le Tesla Supercharger

Impossibile infine non citare l’ottimo navigatore,  che pianifica i viaggi in base alla carica a disposizione (il modello da noi provato era la Long Range capace di percorrere un totale di 560 km dichiarati dalla casa, effettivi attorno ai 500 in base al vostro stile di guida. )

L’auto inoltre include una sezione dedicata proprio ai consumi che non solo vi aiuta a capire quanta autonomia vi rimane, ma vi consente di impostare il limite di carica o di controllare quanto potrete spendere per l’utilizzo delle Tesla Supercharger,  le stazioni di ricarica Tesla super veloci da 120Kw che permettono di caricare l’intera batteria in circa 30 minuti (tenete conto che le colonnine di ricarica veloce di Enel X con attacco di ricarica Combo 2 arrivano fino a 50Kw.)

Non sapete dove trovare queste Supercharger? Ci pensa il sopracitato navigatore! Quest’ultimo non solo vi mostrerà dove sono le stazioni ma anche quante colonnine sono disponibili.

Tesla Model 3: tutto molto bello ma… 

Tiriamo un po’ le somme. Tesla Model 3 è un vero concentrato di tecnologia, si basa su un approccio totalmente nuovo rispetto a quello visto nell’ultimo secolo e vi sorprenderà fin da subito. C’è però qualcosa che non convince del tutto. Personalmente penso che qualche tasto in più, magari sul volante, le avrebbe fatto bene. Fare tutto dal display è “figo” ma non sempre è comodo durante la guida.

Lo so, vi starete chiedendo com’è stare al volante di un’auto elettrica di questo genere, ma per quello dovrete aspettare il nostro test drive.


Fjona Cakalli

Amo la tecnologia, adoro guidare auto/camion/trattori, non lasciatemi senza videogiochi e libri. Volete rendermi felice? Mandatemi del cibo :)
                   










 
Sì, iscrivimi alla newsletter!
close-link