fbpx
FeaturedMotoriNews

The Blade, la prima hypercar al mondo stampata in 3D

Parlando di stampanti 3D i risultati a cui subito pensiamo sono oggetti di piccole dimensioni, dell’utilità di un portachiavi, generalmente di design. La verità è molto più complessa e, senza nulla togliere al mondo artistico, la produzione di componenti tecnici più o meno elaborati ha subito una svolta non da poco con l’avvento della stampa in 3D.

The Blade hypercar

Oltre ai classici materiali plastici, oggi siamo in grado di usare composti di legno o addirittura alluminio e acciaio. Questo vuol dire che, nonostante i costi ancora alti, siamo in grado di produrre anche i componenti di un’intera automobile. E’ così che la startup Divergent 3D ha deciso di costruire un’auto stampando in 3D tutti i suoi pezzi.

The Blade hypercar

Si chiama “The Blade”, ovvero La Lama

Non soltanto un’auto, The Blade è un’hypercar. Con i suoi 720 cavalli di potenza ibrida e quattro ruote motrici è perfettamente la supercar del futuro. Costruita in lega di alluminio e fibra di carbonio ha un telaio del peso di soli 46 Kg e sembra più un caccia che un’automobile.

The Blade hypercar

“Abbiamo trovato il modo promettente di costruire automobili che ridurrà drasticamente gli sprechi di risorse e l’inquinamento”, ha affermato Kevin Cinger, fondatore e CEO di Divergent Microfactories.

Non sappiamo ancora quanto costi The Blade ma Divertgent 3D ha ricevuto 65 milioni di $ di finanziamenti da un ricco imprenditore di Hong Kong per sviluppare la sua attività.

[amazon_link asins=’B01GJDO9I0,B07D4DN3DN,B07DC389ML’ template=’ProductCarousel’ store=’gamspri02-21′ marketplace=’IT’ link_id=’940f7c63-37d5-443b-b1cc-1b0dd1b37e1f’]
Source
autoblog.comdesignboom.com

Federico Marino

Amante dei motori, specie quelli grossi e rumorosi, appassionato di tecnologia e di tutto ciò che è scientifico e innovativo. Studente in ingegneria energetica, tento di sopravvivere al caos della Grande Milano con una piccola reflex, rock 'n 'roll sempre in cuffia e tanti buoni propositi!

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button