fbpx
CulturaNews

Uber e Lyft: i conducenti chiedono migliori condizioni di lavoro

I conducenti di Uber e Lyft chiedono migliori salari, protezioni sul posto di lavoro e sindacati guidati dai conducenti

Mentre l’ Assemblea Bill 5 si fa strada attraverso la legislatura statale della California, i guidatori di Uber e Lyft esprimono le loro richieste di migliori salari, protezioni di base sul posto di lavoro e il diritto di organizzarsi attraverso i sindacati. Domani, Lyft Uber si riuniranno fuori dal quartier generale di Uber a San Francisco per far sentire la propria voce.

La sentenza

Come stabilito in Dynamex Operations West, Inc. contro Superior Court of Los Angeles, AB-5 cerca di codificare la sentenza. In quel caso, la corte decise che Dynamex classificò erroneamente i suoi lavoratori come appaltatori indipendenti. L’AB-5, che è già stato approvato nell’assemblea statale della California, garantirebbe ai lavoratori della gig economy il diritto al salario minimo, al risarcimento dei lavoratori e ad altri benefici.

Per alimentare la sua missione, Gig Workers Rising e Mobile Workers Alliance hanno pubblicato un annuncio su SF Chronicle, che uscirà domani, che presenta una lettera aperta al CEO di Uber Dara Khosrowshahi e ai soci fondatori di Lyft, Logan Green e John Zimmer. 

Le richieste

“Ma il passo più importante per raggiungere questo obiettivo deve ancora essere preso: i piloti hanno bisogno di un posto al tavolo come partner uguali per tracciare il nostro percorso “, hanno scritto Linda Valdivia di Mobile Workers Alliance e Rebecca Stack-Martinez di Gig Workers Rising. “Questo è il motivo per cui abbiamo organizzato, dimostrato e parlato per chiedere che si mettano in pratica le parole”.

In breve, i piloti vogliono essere parte delle conversazioni su AB-5 e sentire le loro voci nel processo decisionale. Inoltre, i conducenti vogliono che i leader della California diano loro la possibilità di organizzare e contrattare attraverso un sindacato guidato dai conducenti.

“È ora che i leader di stato di Uber, Lyft e California si uniscano ai piloti per tracciare il percorso”, hanno scritto gli organizzatori. “E’ tempo che Uber e Lyft facciano le cose per noi. Ciò significa estendere a tutti i conducenti i salari di sussistenza e le protezioni di base sul posto di lavoro che meritiamo.”

Una nuova soluzione

Nessuna delle due società vuole che i suoi conducenti siano dipendenti. Sarebbe uno sforzo molto costoso che senza dubbio influenzerebbe i loro profitti.

UBER

“Lyft sta sostenendo un approccio in linea con gli interessi della nostra comunità di conducenti, modernizzando le vecchie leggi del lavoro secolari che rendono difficile fornire sia flessibilità che benefici”, ha detto in una nota un portavoce di Lyft. “Ecco perché abbiamo lavorato con legislatori e leader del lavoro su una soluzione diversa, in modo che i conducenti possano continuare a controllare dove, quando e quanto a lungo guidano. È incoraggiante che più gruppi si uniscano alla conversazione per preservare la flessibilità per i conducenti e allo stesso tempo fornire nuovi vantaggi e protezioni “.

Dietro le quinte, secondo quanto riferito dal Los Angeles Times , Uber e Lyft avrebbero pagato degli autisti per protestare contro la legislazione che li avrebbe resi dipendenti .

“Continueremo a collaborare con la nostra variegata comunità di conducenti – e con i legislatori che li rappresentano – per migliorare la qualità e la sicurezza del lavoro indipendente”, ha detto in una nota un portavoce dell’Uber.

Via
TechCrunch
Tags

Roberta Catania

Da sempre grande lettrice di libri e fumetti, amante della tecnologia, del cinema e delle serie TV. Nella vita di tutti i giorni mi divido tra il Diritto, la Psicologia e la Criminologia. Personaggio preferito: Barbara Gordon - Citazione preferita "I promise loyalty. I promise secrecy and I promise courage" - Oracle
Next Article
Close

Adblock Rilevato

Considera di supportarci disabilitando il tuo adblocker