fbpx
code4grow scuole coding robotica sap italia yunik

La robotica al femminile: all’università di Pavia il team è rosa


All’Università di Pavia, una giovane dottoranda ha vinto il concorso internazionale di robotica indetto da Epson dimostrando che STEM è (anche) donna.  Le quote rosa raggiungono i due terzi nel team dell’Università che si è aggiudicata un progetto innovativo e ambizioso a livello internazionale indetto dall’azienda Epson.

Il concorso di Epson si coniuga al femminile

Bianca Sangiovanni è la giovane dottoranda in Ingegneria elettronica, informatica ed elettrica che ha vinto il prestigioso concorso a livello internazionale di Epson. Il team, formato da una docente di Robotica, la professoressa Antonella Ferrara, e uno di Intelligenza artificiale, il professore Marco Piastra, ha sviluppato e presentato un progetto che mostra un approccio molto innovativo nell’ambito della cooperazione uomo-robot.

università-pavia-robototica

Il sistema sviluppato dalla giovane dottoranda, prevede che il robot apprenda in autonomia dai propri errori, sino a capire in che modo muoversi in un ambente circoscritto. Questo servirà  per non entrare in collisione con altre macchine o uomini. Spiega la professoressa Ferrara: “Ho deciso di proporre come capogruppo la mia dottoranda Bianca Sangiovanni perché è molto competente e volevo permetterle di cimentarsi con la conduzione di un progetto importante e innovativo, con tante difficoltà da risolvere.” La professoressa Ferrara, inoltre, aggiunge anche la motivazione per aver svelto un giovane ingegnere donna per guidare lo sviluppo del progetto:” “Le donne hanno caratteristiche che ritengo particolarmente adatte per l’ambito scientifico: sono di solito molto precise, tenaci, attente allo svolgimento della ricerca”.

Le statistiche del Ministero

Secondo alcune statistiche del Ministero,le donne sono  la metà degli iscritti ai corsi di laurea (55,5%), del totale dei laureati (57,6%), degli iscritti a corsi di dottorato (50%) e del totale dei dottori di ricerca (51,8%). Tuttavia, questa presenza di quote rosa diminuisce nelle occupazioni più “di rilievo“.  Fino al 23% medio tra i professori ordinari e a un misero 6% in area STEM. Così come si riduce il numero di iscrizioni femminili in funzione dell’ambito di studio: infatti a fronte del 55,5% medio, nell’area lettere e arti le studentesse sono la stragrande maggioranza con un 77,6% che scende al 48,1% in Scienze Agrarie e Veterinarie, fino a scemare al 27,4% nelle discipline STEM.

Il progetto vincitore dell’Università di Pavia

Il titolo del progetto è “Deep Learning for Safe Physical Human-Robot Interaction”, e l’obiettivo finale è quello di far convivere robot e umani; un’esigenza sempre più sentita nel mondo industriale, ma che ha appena iniziato la sua strada. Il progetto dell’Università di Pavia è riuscito a coniugare tecniche di machine learning con tecniche classiche di controllo dei robot. L’altro elemento caratterizzante, è che il sistema sviluppato dalla dottoranda, riesce a garantire la sicurezza dei lavoratori, comprendendo ciò che accade intorno a se e come muoversi.

Il nostro lavoro – riferisce Bianca Sangiovanni – permetterà di introdurre il robot in un ambiente non necessariamente noto a priori, con enormi vantaggi per le aziende che, in questo caso, riusciranno a predisporre ambienti con umani, robot o altri tipi di macchinari. Il grosso sforzo per me e per tutti noi è spiegare e far capire alle aziende, agli studenti e in generale a un pubblico più ampio possibile l’impatto che questo tipo di tecnologie ha e avrà sulla vita di tutti i giorni.”

iRobot Roomba 671 Robot aspirapolvere WiFi, Adatto a tappeti...
  • iRobot ha oltre 30 anni di esperienza nel mondo della robotica, con oltre 30 milioni di robot domestici venduti in tutto...
  • Sistema di pulizia a 3 fasi: il sistema di pulizia a 3 fasi cattura sporco, polvere e detriti da tappeti e pavimenti
  • Impara le tue abitudini di pulizia e suggerisce programmi per soddisfare le tue esigenze; si preoccupa anche di ciò che...

Michele Caliani

author-publish-post-icon
Innamorato del mondo e affascinato dalle cose impossibili. Convivo con il mio smartphone e la rete. Nella mia vita suono il pianoforte e nel tempo libero grattugio il violoncello.
                   










 
Sì, iscrivimi alla newsletter!
close-link