fbpx
CulturaFeaturedTech

Viaggiare: ecco alcune mete giovani e tanto nerd

Dieci città pensate per i ragazzi d'oggi, per arricchirsi non soltanto attraverso l'arte ma anche tramite la tecnologia

«Sì, viaggiare», cantava Battisti nella celebre canzone del 1977; e viaggiare è sicuramente uno dei piaceri principali della vita. Solo negli ultimi decenni i viaggiatori sono aumentati esponenzialmente, grazie soprattutto ad Internet ed alle offerte last-minute.

E sono soprattutto i più giovani ad approfittare di queste incredibili opportunità, cercando di conoscere quanti più angoli di mondo possibile.

Città d’arte, musei, strade celebri, regge imponenti, sono tante le cose da vedere, soprattutto in Europa. Ma cosa succederebbe se, oltre all’arte, i ragazzi volessero visitare centri di divulgazione scientifica?

Viaggiare: le mete tech per i ragazzi del XXI secolo

Non prendiamoci in giro: sono soprattutto le nuove generazioni ad approcciarsi e ad adeguarsi più velocemente al progresso tecnologico.

Di conseguenza, ecco alcune delle mete pensate per gli adolescenti di oggi, magari da visitare con la scuola o, perché no, anche con i propri genitori, per un viaggio non solo di piacere ma soprattutto di cultura!

Città della Scienza, Napoli

Viaggiare
Cupola del Planetario di Città della Scienza, Napoli

Napoli non è solo una delle città più belle del mondo dal punto di vista architettonico ed artistico, ma è anche una delle capitali della scienza. Questo grazie a centri d’eccellenza e facoltà scientifiche famose in tutto il globo.

Nella città partenopea, inoltre, vi è anche uno dei centri di divulgazione scientifica più importanti: Città della Scienza.
Con centinaia di migliaia di visitatori l’anno, è divenuta nel corso degli anni una tappa quasi obbligatoria soprattutto per le scuole medie e superiori.

Ragazzi da tutte le parti d’Italia si riversano in questo centro per visitare  il suo museo scientifico interattivo.
Nonostante il devastante incendio avvenuto nel 2013 e la ricostruzione ex novo, ad oggi le aree visitabili di Città della Scienza sono: la Mostra sugli insetti, la Mostra sul Mare, Corporea (ovvero il museo interattivo del corpo umano) ed il Planetario 3D più grande d’Italia.

Genova e l’IIT

vaggiare
L’IIT di Genova

Il capoluogo ligure non offre soltanto bellezze storiche da poter visitare. Antica Repubblica Marinara, oggi Genova rappresenta anche un importante centro tecnologico, grazie alla presenza della sede operativa dell’Istituto Italiano di Tecnologia (IIT).

Nato nel 2003, l’Istituto Italiano di Tecnologia è un centro di ricerca all’avanguardia, che vuole riunire sotto la sua ala gli scienziati italiani. Negli ultimi anni l’IITè diventato famoso grazie alla partecipazione ad Italia’s Got Talent con il simpatico robot iCub, un androide artificiale dall’aspetto simile a quello di un bambino.

Attualmente le visite all’IIT sono fruibili solo per le scuole superiori di secondo grado. Quindi perché non pensare di farci una capatina la prossima volta che si organizzerà una gita di classe a Genova?

Il museo dei videogiochi di Roma e di Berlino

viaggiare
Una delle mostre presenti al Museo dei videogiochi di Roma

Ebbene sì, i musei dei videogiochi esistono. Uno lo abbiamo in Italia, a Roma, mentre l’altro si trova a Berlino.

Si tratta di un viaggio all’interno del mondo dei videogame, dalla loro nascita agli sviluppi più recenti.

È curioso vedere come i videogiochi abbiano radici ben più vecchie di quanto possiamo immaginare, partendo dai mitici anni 60-70 grazie alle prime consolle giocabili.

Sicuramente dei sorrisi spontanei potrebbero nascere sui volti di chiunque guardando i primi esemplari di giochi: così stilizzati, poco realistici e abbastanza semplici nella trama, ma pionieri di qualcosa che nel corso di pochi decenni avrebbe appassionato intere generazioni di ragazzi.

Insomma, una tappa obbligatoria per i veri gamers.

La Cité des Science et de l’Industie parigina

Viaggiare
Città della scienza e dell’Industria

Se la Città della Scienza di Napoli vi ha entusiasmato allora non potete ignorare la Cité des Science et de l’Industrie di Parigi!

Per una delle mete più gettonate dalle gite di scuola superiore, una tappa alternativa o aggiuntiva al Louvre o al D’Orsay, potrebbe essere il centro di divulgazione scientifica francese.

Il sito offre musei, spettacoli, parchi, percorsi, dibattiti e conferenze oltre ad una biblioteca multimediale. Le sezioni da poter visitare sono le esposizioni Explora, gli spettacoli 3D della Goéte ed il Planetarium.

La Cité de l’espace di Tolosa

Viaggiare-La città dello spazio
Una riproduzione del MIR alla Cité de l’espace di Tolosa

Nella francese Tolosa, vi è un parco a tema scientifico molto divertente: la Cité de l’espace, un centro dove si parla di spazio, astronomia e conquista spaziale. Con più di 4 milioni di spettatori negli ultimi 15 anni, questo parco a tema è dedicato a grandi e piccini.

Inoltre vi è un’unica regola: imparare, sì, ma divertendosi grazie alle esposizioni interattive, ai laboratori ed alle oltre 250 mostre presenti!

Il Museo di Storia Naturale di Londra e Vienna

Viaggiare-Museo
Museo di Storia Naturale di Londra

Per i curiosi delle scienze naturali, il museo di Londra e Vienna potrebbe rappresentare la giusta meta per saziare la propria sete di conoscenza.

Le sezioni sono diversificate e varie e vanno dal mondo della natura alla paleontologia, fino ad approdare nelle lande della geologia, dell’astronomia e via discorrendo.

Quelli di Londra e Vienna non sono solo incredibilmente belli e all’avanguardia ma hanno alle spalle un background di tutto rispetto. Infatti sono due dei musei dove hanno lavorato alcuni fra i più importanti naturalisti della storia.

Fra una porzione di fish&chips oppure una fettina di sacher, perché non dare una chance a questi incredibili musei?

Valencia e la sua Ciudad de las Artes y las Ciencias

viaggiare
La Città delle Arti e delle Scienze di Valencia

Valencia non è soltanto una delle patrie del divertimento e del buon cibo, ma vanta anche una Città delle Arti e delle Scienze. Parliamo di un complesso architettonico suddiviso in cinque strutture, divise a loro volta in tre aree. Ogni area ha il proprio tema: area marina, area scientifica e area naturale.

Fra le strutture presenti spicca sicuramente l’Oceanografico, ovvero il parco marino più grande d’Europa, con una enorme varietà di specie presenti:  intorno ai 45.000 esemplari.

Eppure c’è un altro istituto europeo, molto importante a livello internazionale, che merita altrettanto una particolare menzione: il CERN di Ginevra.

Il CERN di Ginevra

Viaggiare
CERN

Nella bella Ginevra ha sede il CERN, ovvero l’Organizzazione europea per la ricerca nucleare (in francese, da cui deriva l’acronimo, Conseil européen pour la recherche nucléaire).

Al CERN ci si occupa soprattutto di particelle (la ricerca sul “bosone di Higgs“, la particella di Dio, vi ricorda qualcosa?), offrendo così ai ricercatori gli strumenti necessari per la ricerca in fisica delle alte energie.

Insomma, il posto ideale per gli Indiana Jones del mondo nerd, pronti ad entrare fra i crociati europei custodi del Santo Graal della ricerca.

Una piccola curiosità: il CERN comprende 22 paesi membri e nel 2014 l’ONU gli ha conferito lo status di osservatore.

È un mondo piccolo… e tanto tech!

Viaggiare non significa dare sfogo ad un mero piacere. Ad ogni singola partenza siamo degli involucri vuoti, pronti per essere riempiti. Viaggio dopo viaggio, visita dopo visita, arricchiamo sempre di più il nostro essere, spingendoci ad immaginare subito quale sarà la prossima meta.

Se possiamo fare tutto questo lo dobbiamo anzitutto alla tecnologia che lo ha permesso: aerei, prenotazioni online, pagamenti con la carta di credito e via discorrendo. Quindi perché non rendere merito anche al mondo tech?

Del resto, chi l’ha detto che viaggiare non possa essere anche estremamente nerd, per una volta?

Via
CERN TreccaniEco GlobalVigamus
Tags

Maria Stella Rossi

Mangiatrice seriale di biscotti e ghiotta di pizza, adoro scrivere da sempre, ancor prima di imparare a tenere per bene una penna fra le dita. Sono una grande appassionata di libri, telefilm, film, videogiochi e cucina, mentre il mio sogno nel cassetto è quello di riuscire a catturare ed addomesticare una Furia Buia. Ma anche continuare a scrivere non è poi così male come desiderio.
Next Article
Close

Adblock Rilevato

Considera di supportarci disabilitando il tuo adblocker