fbpx
FeaturedNewsTech

WhatsApp limita l’inoltro dei messaggi per combattere le fake news

Una mossa che però potrebbe non bastare

WhatsApp, in una mossa volta a limitare la diffusione di bufale fake news, ha posto una nuova limitazione al numero di volte che un messaggio può essere inoltrato. Questo limite, già in passato abbassato da 25620, è ora sceso a sole 5 volte.

WhatsApp contro la disinformazione

Questa decisione è stata presa in seguito all’abuso della funzionalità ‘Inoltro’ da parte di alcuni utenti, che ha portato spesso e volentieri al diffondersi a macchia d’olio di notizie falsedisinformazione. Questo è stato particolarmente vero sia durante le recenti campagne elettorali in USA e in Brasile che in casi più estremi in India, dove una campagna di accuse infondate e messaggi inoltrati ha portato al linciaggio di alcune persone.

whatsapp

Già a luglio l’azienda aveva limitato il numero di inoltri a 20, aggiungendo inoltre la dicitura “Inoltrato” ai messaggi, in modo da far riflettere meglio le persone sul contenuto ricevuto. Il nuovo limite dovrebbe arginare ulteriormente la diffusione incontrollata di notizie false, ma alcuni dubbi persistono. Infatti i 5 inoltri possono essere diretti anche a dei gruppi, e considerato che ogni gruppo può contenere fino a 256 membri, parliamo comunque di un bacino potenziale di quasi 1300 persone.

Non resta che aspettare e vedere se le misure adottate saranno sufficienti o meno. Per quanto riguarda noi utenti, vale sempre la regola di non condividere o inoltrare contenuti e notizie di cui non siamo sicuri al 100% e di verificare le notizie che riceviamo da altre fonti senza prenderle subito per buone.

[amazon_link asins=’8820388014,8891742252,8899661197′ template=’ProductCarousel’ store=’gamspri02-21′ marketplace=’IT’ link_id=’c41c7a81-6fab-4e66-97b7-981001ac8311′]
Via
The Verge

Giovanni Natalini

Ingegnere Elettronico prestato a tempo indeterminato alla comunicazione. Mi entusiasmo facilmente e mi interessa un po' di tutto: scienza, tecnologia, ma anche fumetti, podcast, meme, Youtube e videogiochi.

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button