fbpx
NewsSoftwareTech

Facebook testa fino a cinque profili per persona

E non c'è bisogno di utilizzare nomi reali

Un nuovo test per gli account Facebook permette di creare fino a cinque profili, segnando un cambio di rotta per il social network di Meta. Al momento il test però è limitato solo ad alcuni utenti.

Facebook testa fino a cinque profili per ogni account

L’idea alla base di questo nuovo test riguarda la possibilità di utilizzare diversi profili per diverse attività. Per esempio, gli utenti potranno avere un profilo Facebook per gli amici, uno per i colleghi e un altro per avere a che fare con gruppi d’interesse e influencer.

Nel nuovo test, gli utenti potranno passare da un profilo all’altro con estrema facilità, semplicemente toccando un paio di icone nella schermata di Facebook. I profili saranno soggetti alle stesse regole, policy ed eventuali punizioni, che avranno effetto sull’intero account, secondo il portavoce Leonard Lam.

meta facebook

Lam spiega: “Per aiutare le persone a cucire a pennello un’esperienza basata sugli interessi e le relazioni, stiamo testando modi per le persone che vogliono avere più profili su un singolo account in Facebook. Chiunque usi Facebook continuerà a seguire le stesse regole”.

Grande novità anche il fatto che non dobbiate utilizzare il vostro nome per i nuovi profili. L’importante è che i nomi non violino le regole e non includano numero o caratteri speciali. Questo significa per esempio che potrete utilizzare il vostro soprannome nel profilo che utilizzate con amici, mentre nome e cognome sul lavoro.

La nuova direzione di Facebook potrebbe forse aiutare a offrire nuove possibilità di espressione per gli utenti, soprattutto i più giovani. Che sempre di più preferiscono alternative come TikTok.

Bestseller No. 1
Meta Quest 2 - Visore VR All-In-One - 128 Gb
  • Acquista Meta Quest 2. E Beat Saber è tuo
  • Per un periodo limitato, il rhythm game in VR più venduto è incluso nell'acquisto di Meta Quest 2**
  • Vivi un'esperienza senza interruzioni, anche nel mezzo di azioni ad alta velocità, con il processore ultrarapido e il...
Source
The Verge

Stefano Regazzi

Il battere sulla tastiera è la mia musica preferita. Nel senso che adoro scrivere, non perché ho una playlist su Spotify intitolata "Rumori da laptop": amo la tecnologia, ma non fino a quel punto! Lettore accanito, nerd da prima che andasse di moda.

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button