fbpx
HONOR 9X Pro Recensione

Honor 9X Pro recensione: l’ologramma che affascina
Un potenziamento del precedente modello, ma senza Google Apps.


Honor 9X Pro recensione

Honor 9X Pro recensione – Honor 9X Pro è il successore di Honor 9X, uscito lo scorso novembre e da noi recensito. Ma in questo lasso di tempo molte cose sono cambiate. Anche Honor infatti ha dovuto dire addio ai servizi Google a causa del ban americano. Una situazione che ha spinto l’azienda ad abbracciare il mondo dei Huawei Mobile Services.
Niente Play Store, niente Gmail, niente applicazione ufficiale di YouTube, niente Google Drive.
Come spingere quindi gli utenti a puntare sui nuovi smartphone senza avere tutti questi servizi? La risposta è sorprendentemente semplice: offrendo ottime prestazioni, un hardware di prima scelta e mantenendo un ottimo rapporto qualità prezzo.
Ci saranno riusciti con questo device? Scopriamo insieme cosa ha da raccontare questo nuovo Honor 9X Pro.

HONOR 9X Pro Recensione

Cosa abbiamo in pentola?

Nella confezione di Honor 9X Pro troviamo una cover in silicone trasparente, un paio di auricolari di qualità media, il cavo USB-A/USB-C ed il caricatore da 10W. A mio avviso sarebbe stato preferibile un caricabatterie più performante: 10W sembrano ormai pochi in un mare di super, warp e fast charge che ritroviamo tra i rivali.

Ciò che colpisce immediatamente è la back cover in vetro con un intrigante effetto olografico ad X  che risalta particolarmente nella colorazione in nostro possesso: Phantom Purple (viola cangiante). L’altra colorazione disponibile è il nero, forse più anonimo. Rispetto al precedente modello, troviamo maggiore cura nei dettagli e nelle finiture: i margini esterni sono in metallo satinato, scelta che ne aumenta l’eleganza. Il sensore per lo sblocco con impronte digitali cambia posto: non più sul retro, lo troviamo adesso lateralmente inglobato nel tasto di accensione, sotto al bilanciere del volume. Nella parte superiore troviamo carrellino della SIM (dual SIM o SIM/MicroSD) e fotocamera pop-up, sul margine inferiore l’ingresso USB-C, l’altoparlante (mono) e l’amato jack da 3.5mm per le cuffie.  

HONOR 9X Pro Recensione

Frontalmente troviamo un display LCD IPS FullView da 6.59 pollici di diagonale, con risoluzione Full HD+ (2340 x 1080 pixel) e densità di 391 PPI. La presenza della fotocamera pop-up permette di avere uno schermo pulito e senza interruzioni, con un rapporto corpo/schermo del 92%. Peccato solo la leggera asimmetria nel margine inferiore, più spesso degli altri tre.

In mano si sente, con i suoi 206 grammi di peso. Le dimensioni sono infatti rimaste invariate rispetto al modello precedente, l’impugnatura con una sola mano non è dei più semplici.

HONOR 9X Smartphone, 2020 NEW 4GB 128GB Telefono, Schermo...
  • ✔【Display a schermo intero da 6,59 "】 HONOR 9X Smartphone può mostrarti un mondo senza limitazione del campo...
  • ✔【Videocamera pop-up e modalità AIS Super Night】 La fotocamera principale I telefoni cellulari HONOR 9X hanno un...
  • ✔【Batteria per tutto il giorno 4000mAh】 Telefono consente fino a 120 ore di riproduzione musicale, 13 ore di...

La dotazione hardware

A bordo troviamo il nuovo Kirin 810 octa core da 2,27 GHz con GPU Mali G52 MP6 e ben 6 GB di RAM. La memoria interna, nell’unica variante disponibile alla vendita, è di 256 GB, un’ottimo punto a favore di questo smartphone se pensiamo alla fascia media in cui è collocato. E se 256 GB non dovessero bastarvi, potete anche ampliare lo spazio a vostra disposizione con una microSD. Oltre al Bluetooth 4.2 e al Wi-Fi ac dual band, è presente la connettività NFC, con un ma. Non essendo presenti i servizi Google, non si potrà accedere nemmeno a Google Pay.

HONOR 9X Pro Recensione

Nell’utilizzo quotidiano si è mostrato sempre all’altezza di ciò che gli veniva richiesto, senza rallentamenti o blocchi improvvisi. Il passaggio tra applicazioni avviene in maniera fluida, ed il caricamento in modalità gaming è pari a quella di smartphone più blasonati e costosi. Segno che l’ottimizzazione chipset/software ha raggiunto buoni livelli.

L’autonomia donata dalla batteria da 4000 mAh ci ha soddisfatti. Con un uso medio si arriva tranquillamente anche al mattino seguente. 

Honor 9X Pro recensione: le foto?

Dal punto di vista fotografico facciamo fatica a trovare grosse differenze col modello precedente. Abbiamo nuovamente un modulo a tripla fotocamera posteriore, col sensore principale da 48 MP  ƒ/1.8 che scatta a 12 megapixel grazie al pixel binning. Il Pixel binning è un sistema che unisce la luminosità e i dati di quattro pixel in uno. Il secondo sensore è un grandangolare da 8MP ƒ/2.4, accompagnato infine da un sensore per la profondità da 2 MP. La pop-up camera frontale racchiude invece un sensore da 16MP.

Soltanto il sensore da 48MP ci regala scatti degni di nota, adatti alla fascia media in cui è collocato lo smartphone. Con la grandangolare perdiamo definizione, le immagini si fanno poco dettagliate anche con tanta luce. La selfie camera è accettabile esclusivamente di giorno, il lavoro dell’IA aiuta molto a migliorare gli scatti.

In notturna, nonostante l’intervento dell’intelligenza artificiale Honor che migliora gli scatti, abbiamo comunque dei risultati sottotono. Insomma, il comparto fotografico non è il motivo che ci spingerà a puntare su questo device. Ecco una piccola galleria di foto scattate con Honor 9X Pro.

 

Android 9 e niente Google Apps

Honor 9X Pro è ancora dotato della versione 9 di Android e quindi anche della sua EMUI. Ed è un peccato, poiché passando alla versione 10 di entrambe guadagnerebbe quel tocco in più che renderebbe lo smartphone più al passo coi tempi. EMUI 9 è esteticamente “anziana”, speriamo che l’aggiornamento arrivi il prima possibile. 

Ma una cosa che non arriverà sono le Google Apps. Non sentire la mancanza di YouTube, Google Drive, Gmail e compagnia bella è impossibile. Per chi è particolarmente legato a questi servizi ed applicazioni, risulterà un limite difficilmente valicabile. Anche in fase di configurazione del telefono, dover installare applicazioni tramite APK e non trovarle direttamente su AppGallery risulta a volte frustrante. L’esperienza d’uso migliora col tempo e con l’abitudine, ma siete disposti a “perdere” questo tempo?

HONOR 9X Pro Recensione

AppGallery, vi ricordiamo, è lo store ufficiale dell’azienda cinese che si arricchisce ogni giorno di nuove funzionalità. A dargli una mano troviamo il motore di ricerca TrovApp,  che permette di trovare su Amazon App Store e ApkPure tutti i software di cui avete bisogno. 

Honor 9X Pro: la scheda tecnica

Prima di concludere, qualche dato tecnico su questo smartphone:

Dimensioni: 163.1 x 77.2 x 8.8 mm
Peso: 206 g
Display: IPS LCD FHD+ da 6.59” 1080 x 2340 con densità di 391 ppi
CPU: Kirin 810
GPU: Mali-G52 MP6
RAM: 6 GB
Memoria: 256 GB espandibile con Micro SD 
Rete: 4G LTE  – Dual SIM
Connettività: Wi-Fi 802.11 a/b/g/n/ac, Bluetooth 5.0 con A2DP/LE, USB Type-C 2.0,  jack 3.5mm,        A-GPS/GLONASS/BeiDou
Batteria: 4000 mAh
Fotocamera posteriore: 48 MP f/1.8 + 8MP f/2.4 +  2MP f/2.4
Fotocamera anteriore: 16 MP f/2.2
Video: posteriore 4K (30fps), anteriore Full HD (30fps)
Sistema operativo: Android 9.0 Pie EMUI 9.1

HONOR 9X Pro Recensione

HONOR 9X Pro recensione: acquistarlo oppure no?

Honor 9X Pro è al momento disponibile all’acquisto online soltanto nello store ufficiale HiHonor, ma ad un prezzo speciale. Con uno sconto di 50€, è possibile acquistarlo a soli 199€ anziché 249€, ed a questo prezzo è un vero affare. Se siete alla ricerca di un medio di gamma performante, con tanta memoria interna e buona autonomia, allora è lo smartphone che fa al caso vostro. Se per voi comparto fotografico e Google Apps sono fondamentali, allora il consiglio è di optare per il top di gamma Honor 20 Pro (qui la nostra recensione).

Honor 9X Pro

Pro Pros Icon
  • Prestazioni
  • Autonomia
  • Memoria
  • Prezzo
Contro Cons Icon
  • Comparto fotografico
  • No Google Apps
  • Android 9

Livio Marino

author-publish-post-icon
Sangue siciliano, milanese d'adozione, mi piace essere immerso in tutto ciò che è tech. Passo le giornate dando ordini ad Alexa, Google ed al mio cane, Maverick.
                   










 
Sì, iscrivimi alla newsletter!
close-link