fbpx
AutoElettricoMotoriNews

Nissan Leaf si arruola nella Capitaneria Di Porto: 50 Leaf a zero emissioni per la Guardia Costiera

Nissan Leaf, la Guardia Costiera "arruola" 50 elettriche nella Capitaneria

Nissan Leaf è una delle automobili elettriche più diffuse d’Italia, nonchè il veicolo elettrico più venduto al mondo. Grazie alla sua ottima autonomia, allo spazio interno e alle buone prestazioni viene anche spesso scelta per “vestire” le uniformi delle Forze Armate. Ed infatti il nuovo Corpo che servirà Nissan Leaf è la Guardia Costiera. Scopriamo tutti i dettagli dell’unione tra i protettori dei mari e dei porti e l’elettrica giapponese.

Nissan Leaf, la prima elettrica per tutti, già… arruolata

Nissan Leaf è una delle vetture che vengono per prime in mente quando si tratta di automobili elettriche versatili. Questo perchè Leaf, soprattutto da quando è uscita la seconda generazione nel 2017, è una delle auto elettriche più complete. Forte di dimensioni da compatta media (4,5 metri di lunghezza) offre un ottimo compromesso tra agilità e maneggevolezza in città e abitabilità e spazio per passeggeri e bagagli. Il tutto ad un prezzo inferiore alle più blasonate e spesso non troppo più “autonome” rivali da altri brand.

Fin dal lancio nel 2010 è stata una delle elettriche più apprezzate, e ad oggi è ancora l’elettrica più venduta al mondo con oltre 500.000 esemplari in più di 10 anni di storia. E anche la sua longevità l’ha resa una delle auto a zero emissioni più note e popolari al mondo. E tutte queste caratteristiche, unite all’aspetto elegante e alla estrema facilità di guida, hanno reso Nissan Leaf una delle elettriche con la maggiore passione per… la giustizia.

Nissan Leaf carabinieri

In diverse città italiane infatti decine di Leaf sono state arruolate tra la Polizia Locale, i servizi di sorveglianza e altri corpi di Polizia come pattuglie per le zone più centrali della città, sfruttando la sua agilità e la guida a zero emissioni. Nissan dal canto suo ha poi già donato qualche tempo fa 104 Nissan Leaf all’Arma dei Carabinieri. Leaf è stata la prima automobile elettrica presente nella flotta della Benemerita, che le utilizza per monitorare ed eventualmente entrare in servizio nei Parchi Nazionali, nelle aree protette e nelle Riserve Naturali Statali.

Nissan Leaf, la Guardia Costiera ne sceglie 50 per 31 aree marine protette

Leaf quindi ha già qualche mese di esperienza come automobile della giustizia, ma oggi il suo impegno raddoppia. La notizia di questi giorni è infatti l’arruolamento di 50 Nissan Leaf nella Guardia Costiera. La Capitaneria di Porto, uno dei sette corpi della Marina Militare italiana, ha scelto di unire le strade Nissan Leaf e Guardia Costiera per permettere agli ufficiali di scandagliare, pattugliare ed eventualmente intervenire in 31 aree marine protette e parchi nazionali italiani.

Nissan leaf guardia costiera flotta

Parliamo di luoghi incontaminati e meravigliosi come Portofino, Favignana, il Parco del Castello di Miramare, la Maddalena e le Isole Tremiti. Luoghi unici che meritano un rispetto assoluto, e che ora saranno serviti da veicoli totalmente elettrici per supportare e non impattare la biodiversità ma allo stesso tempo garantire la sicurezza di persone, animali e luoghi.

Nissan leNissan leaf guardia costiera lateraleaf guardia costiera laterale

Nissan Leaf quindi si fa anche portatrice di un messaggio di salvaguardia dell’ambiente e di impegno verso la protezione della biodiversità del nostro Paese. In occasione della cerimonia di consegna, avvenuta presso il Ministero della Transizione Ecologica, Marco Toro, Presidente e Amministratore Delegato di Nissan Italia, ha dichiarato che “Leaf, in virtù delle zero emissioni e delle tecnologie avanzate di cui è dotata, è il veicolo ideale per supportare le attività del Corpo delle Capitanerie di Porto a salvaguardia delle aree marine protette. Nissan ha una lunga esperienza nel mondo della mobilità elettrica e Leaf è la nostra icona di sostenibilità da oltre 10 anni. A lei, si aggiungerà a breve anche Ariya, il primo crossover coupé 100% elettrico di Nissan.”

Nissan Leaf e Guardia Costiera ora sono insieme, ma per noi “civili” quanto costa?

Chi tra di noi avrà la fortuna di recarsi in queste 31 splendide aree protette del nostro Paese avrà la possibilità di poter vedere “in divisa” le Nissan Leaf della Guardia Costiera. Se però non siete degli Ufficiali della Capitaneria di Porto ma volete ugualmente passare alla mobilità elettrica e Nissan Leaf vi ha convinti, la Casa giapponese ha diverse offerte disponibili.

La gamma Leaf parte infatti da un listino di 35.300 euro per la versione da 150 CV, 40 kWh di batteria e 270 km di autonomia. La più interessante Leaf a listino è però la Leaf e+, dotata di un motore da 215 CV, batteria da 62 kWh e autonomia in ciclo misto di 385 km. Per questa versione, Nissan propone in questi mesi un’offerta che con incentivo statale con rottamazione e sfruttando il finanziamento Intelligent Buy, il prezzo scende da 42.775 a 28.275 euro. Il finanziamento invece ha un canone davvero interessante, con 149 euro al mese e anticipo di poco più di 5.000 euro.

Nissan, inoltre, offre la possibilità di effettuare un test drive gratuito di 48 ore. In questo modo, potrete conoscere in due giorni pieni se la mobilità elettrica può fare al caso vostro. E in caso di acquisto, Nissan offre voucher e buoni per poter ricaricare gratuitamente fino a 10.000 km di guida. Niente male per un’elettrica versatile, spaziosa, molto vivace e facile da guidare e, non dimentichiamolo, arruolata ufficialmente in ben due corpi militari: Carabinieri e Capitaneria di Porto.

Qui puoi trovare i nostri ultimi articoli sul brand Nissan!

Lo sapevi? Abbiamo aperto il canale ufficiale di techprincess su Telegram con le migliori offerte della giornata. Cosa aspetti? Iscriviti qui!

Giulio Verdiraimo

Ho 22 anni, studio Ingegneria e sono malato di auto. Di ogni tipo, forma, dimensione. Basta che abbia quattro ruote e riesce ad emozionarmi, meglio se analogiche! Al contempo, amo molto la tecnologia, la musica rock e i viaggi, soprattutto culinari!

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button