fbpx
one-piece-pirate-warriors-recensione

One Piece Pirate Warriors 4 recensione: via quel “musou” lungo
One Piece Pirate Warriors 4 è il quarto capitolo della famosa saga di pirati in salsa musou, nemici a migliaia e combo senza sosta


Via quel musou lungo, con questo titolo avrete la possibilità di sfogarvi un po’ senza pensieri. Va bene lo prometto, è l’ultima battuta sulla parola musou che farò in questa recensione: One Piece Pirate Warriors 4 è il quarto episodio della saga videoludica di One Piece che prende un brand solido, uno stile di gioco di nicchia e una sistema di meccaniche e grafiche rodato, unendo il meglio di tutti gli aspetti. Scopriamo insieme tutti i dettagli!

One Piece Pirate Warriors 4 

One Piece è una saga manga che ormai annovera 20 anni di onorata carriera e nel corso del tempo si è espansa prima al mondo dei cartoni animati spopolando poi nel merchandising, nei giochi da collezionismo e andando poi in tripudio verso traguardi come film, videogames, edizioni limitate ecc. La ciurma di pirati più folle del pianeta ha solcato i mari dei cuori dei fans accaniti e dei meno avvezzi al tema lasciando un ricordo dietro di sé in più o meno tutte le fasce di età, vedendo addirittura crescere ragazzi in adulti che ora passano il testimone ai più piccoli. Immancabile poi l’accompagnamento della celebre sigla che vede al primo debutto come duetto Cristina d’Avena e Giorgio Vanni. In questo quarto episodio videoludico ci mettiamo nuovamente nei panni della ciurma di “Cappello di Paglia” con la possibilità di impersonare tutti i protagonisti in diverse sessioni di gioco.

one-piece-pirate-warriors-cappello-di-paglia

Il titolo appartiene, quasi esclusivamente, al genere Musou: uno stile videoludico amato dai giapponesi e di più difficile integrazione qui in occidente, anche se con il suo seguito di nicchia. Il team che ha sviluppato questo videogioco è uno tra i padri fondatori del genere, sanno quello che fanno e lo sanno fare bene. La meccanica principale di gioco fondamentalmente è menare il più possibile triturando nemici come se fossimo mietitrebbie in un campo di grano fino a che non ci vengono crampi alle dita. Intervengono anche strutture che riportano l’eco di un gioco di ruolo, con la possibilità di far progredire il personaggio privilegiando alcune abilità rispetto ad altre. In ogni caso la parola d’ordine è darne tante ma tante, falciando nemici a centinaia in combo ininterrotte e con respawn esageratamente sovradimensionati.

Pirati, navi e frutti del diavolo ecco la trama

La trama affonda le sue radici nel terzo capitolo della saga, riprendendo in diversi flashback i momenti salienti del background dei vari personaggi. Durante tutta la nostra avventura nella modalità storia avremo la possibilità di rivivere gli archi narrativi più recenti della saga di One Piece, riprendendo alcuni aspetti di trama pregressa con accenni e flashback. Tuttavia la scelta di optare per questo tipo di narrazione potrebbe non sposare la comprensione ed i gusti dei più, seppur semplice è ostica da seguire in assenza di una cultura della saga fumettistica. Ad essere onesti sarebbe risultato piuttosto difficile individuare un altro modo di raccontare la storia poiché in questi anni si sono susseguiti un numero smisurato di eventi che necessitano di essere raccontati.

Offerta
One Piece: Pirate Warriors 4 - PlayStation 4
  • Una storia incredibile– vivi la storia di One piece sin dal suo inizio. Musou action– sviluppato da koei te cm o...
  • Il sapore della vittoria– Sfida tantissimi nemici nelle battaglie più importanti dell’anime
  • Ambiente distruttibile – apriti la strada verso la vittoria anche grazie all’aiuto dell’ambiente, ampiamente...

Partiremo dalle rive del regno di Alabasta a bordo della Going Merry, la nave che ci accompagnerà per lungo periodo nelle nostre avventure marine. Dapprima vestiremo i panni del capitano Monkey Rufy alias Cappello di Paglia, nelle fasi di gioco successive potremo cambiare personaggio ed utilizzare uno dei componenti della ciurma:

  • Nami, abilissima stratega e cartografa,
  • Zoro, il maestro spadaccino,
  • Usop, il cecchino,
  • Sanji, il cuoco abilissimo nello stile di lotta con i calci,
  • Chopper, la renna dai poteri eccezionali,
  • Robin, la bella stratega in grado di ingigantire tutto o in parte il suo corpo

Ma i personaggi giocabili in tutto sono ben 43 e comprendono praticamente tutti i protagonisti più salienti di 20 anni di storia di One Piece. All’interno della trama troveremo più volte poteri eccezionali conferiti ai vari personaggi dall’ingerimento di frutti misteriosi chiamati frutti del diavolo (o frutti del mare nella versione italiana), sotto questo aspetto le mosse sono riprodotte fedelmente al manga.

Meccaniche di gioco

Oltre alla modalità Diario Narrativo, che di fatto è la più classica in cui potremo affrontare il titolo seguendo la trama e utilizzando di capitolo in capitolo i personaggi suggeriti, avremo la possibilità di affrontare il gioco in altre 2 varianti:

  • Diario Liberouna piccola variante della modalità Diario Narrativo, ci consentirà di affrontare l’avventura utilizzando i personaggi sbloccati a piacimento all’interno dei nostri capitoli.
  • Diario del Tesoroadatta a coloro che si vogliono allontanare dalla narrazione classica, in questa sezione infatti il gioco ci obbligherà ad affrontare sfide completamente scollegate dalla trama principale ed è ottima per sbloccare contenuti e personaggi extra. Rispetto alle altre due modalità non è possibile determinare o modificare il grado di difficoltà.

È presente anche il multiplayer, sia online sia locale, in grado di farci godere appieno insieme ad amici, ogni aspetto di questa grande avventura piratesca.

One-Piece-Pirate-Warriors-multiplayer

Oltre a ciò è necessario dire che la maggior parte del tempo saremo intenti a premere compulsivamente attacchi e combo sul nostro controller per decimare file nemiche composte da schiere a migliaia. Mettendo in sequenza più combo e attacchi riusciremo nell’intento di infliggere danni con un moltiplicatore in grado di darci la possibilità di sconfiggere anche 5000 nemici per volta. Ci sono un numero piuttosto elevato di combinazioni di mosse, realizzato grazie alla combinazione di pulsanti sul nostro joypad. Sebbene più avanti parleremo degli aspetti negativi, non possiamo non evidenziare che le combinazioni scelte sul controller sono un po’ macchinose, cosa che si traduce nel scegliere sempre le solite mosse a discapito di una variazione nello stile di lotta che potrebbe genere più intrattenimento.

Offerta
One Piece: Pirate Warriors 4 - Nintendo Switch
  • Una storia incredibile– vivi la storia di One piece sin dal suo inizio. Musou action– sviluppato da koei te cm o...
  • Il sapore della vittoria – Sfida tantissimi nemici nelle battaglie più importanti dell’anime
  • Ambiente distruttibile – apriti la strada verso la vittoria anche grazie all’aiuto dell’ambiente, ampiamente...

Il genere musou è molto particolare perché costringe il giocatore a ripetute sessioni di combattimento dove la strategia principale è premere ripetutamente e a dismisura i soliti tasti. Per ovviare in parte a questo difetto e dare più movimento al gameplay, sono state abolite le “basi” da conquistare, un concetto ben radicato negli episodi precedenti: durante una missione uno degli obiettivi principali era sbloccare un punto specifico denominato base, qui invece le zone da liberare sono delle aree e non più delle basi. Questo porta ad un allargamento ed una maggiore distribuzione dell’esperienza di gioco su territori aperti, che offrono al game design la possibilità di variare lo scenario, gli oggetti, i colori percepiti, oltre a dare un senso di gratitudine maggiore in caso di successo. È presente una piccola parte relativa al gdr che però si traduce nella sola possibilità di personalizzare il proprio personaggio giocante durante gli avanzamenti di skills e livelli a seconda del grado di esperienza maturato nei combattimenti.

one-piece-pirate-warriors-game

One Piece Pirate Warriors 4: la grafica

Il motore alla base di questo titolo supporta una grafica fluida anche nei momenti più impegnativi, il tutto in 3d con contornato da colori vivaci e modelli tridimensionali dei personaggi ben realizzati, fedeli al manga ed alla serie tv. L’HUD (Humans-Up Display) non è invasiva e ci permette di visualizzare una mappa piuttosto chiara, bonus, esperienza acquisita e combo realizzate definite e non confusionarie. L’unica pecca sembra essere la nostra barra dei punti vita che è sottodimensionata rispetto al resto, nelle fasi più concitate può trarre in inganno e senza accorgercene rischiamo di rimanere a secco. Gli scenari ed i paesaggi sono ampi con una telecamera che tutto sommato ci viene incontro e rispetta le esigenze sia di chi è avvezzo ad un uso analogico dell’inquadratura, sia a chi invece si aspetta un inseguimento del personaggio con il suggerimento del miglior punto di vista del giocatore. Il framerate è solido e stabile sui 30 fps, non aspettatevi di più, il gioco si presta a questo genere di tecnologia. 

Offerta
One Piece: Pirate Warriors 4 - Xbox One
  • Una storia incredibile– vivi la storia di One piece sin dal suo inizio. Musou action– sviluppato da koei te cm o...
  • Il sapore della vittoria – Sfida tantissimi nemici nelle battaglie più importanti dell’anime
  • Ambiente distruttibile – apriti la strada verso la vittoria anche grazie all’aiuto dell’ambiente, ampiamente...

Musou lunghi? Coraggio il divertimento è dietro l’angolo!

Avevo promesso di smetterla in effetti. Passiamo dal faceto al serio e tiriamo le fila di questo One Piece Pirate Warriors 4. Il genere musou è molto di nicchia di importazione giapponese, gli occidentali non sono abituati e ho impiegato non poca fatica per sperimentare l’approccio da punti di vista differenti. E’ stata necessario uno studio sui musou e su One Piece prima di godere appieno delle particolarità di questo gioco. Se pensiamo che i videogames debbano essere godibili fin dal primo approccio rimarremo delusi. Senza delle conoscenze di base della storia di One Piece la trama risulta confusionaria e i salti temporali, flashback inclusi, non sono così chiari. Da diverse riviste di spessore questo titolo è stato considerato con uno dei migliori musou, ma se non siete avvezzi al genere la prima esperienza di gioco sarà una cacofonia di icone, mosse, urla senza capire minimamente cosa si sta facendo visto che la fase di tutorial è anch’essa troppo densa di informazioni e “spiegoni” anziché avere un approccio con una curva di apprendimento crescente.

pirati-one-piece-achievement

Paragonato all’ambito culinario il videogame si presenta come un piatto insipido e senza carattere, ma è ottimo se pensiamo al classico spuntino pomeridiano in cui infrangiamo allegramente ogni regola di cucina e ci prepariamo il panino zeppo di ingredienti che ci fanno gola e con salse che ammazzano i gusti. Entrati nel mood del gioco falciare migliaia di nemici risulta divertente e se si cercano gli achievement anche piuttosto impegnativo, gli spazi aperti come aree da conquistare sono stata un’ottima trovata per intervallare un gameplay che può stancare in fretta. Ripetitivo questo è certo, è anche vero che siamo i protagonisti di un’avventura che ci ha fatto sognare quindi seguire la trama e capirne di più diventa anche coinvolgente. Se siete avvezzi al genere musou e ancor di più conoscitori di One Piece, non rimarrete affatto delusi perché ha tutti gli ingredienti per tenervi incollati al gioco ad ore intere affrontando ogni modalità prevista alla ricerca di tutti i personaggi giocabili, dipanando la trama per diventare il Re dei Pirati.

One Piece Pirate Warriors 4

Pro Pros Icon
  • Divertente per sfogarsi
  • Impegnativo se si cercano gli achievement
  • Nella nicchia di settore è un ottimo titolo
Contro Cons Icon
  • Ripetitivo
  • Solo per addetti al settore
  • Trama non semplice se non si conosce il tema
  • Curva di difficoltà mal gestita

Alessandro Santucci

author-publish-post-icon
Videogiocatore nato, perito informatico, lettore, nerd, imprenditore digitale.. Mi piace definirmi "Apprendista": un apprendista multidisciplinare, essere apprendisti è uno stile di vita, non si smette mai di imparare.
                   










 
Sì, iscrivimi alla newsletter!
close-link