fbpx
NewsTech

Stampa 3D: le protesi che rivoluzionano il mondo degli handbikers

L'handbiker Marco Milanesi ha voluto descrivere la propria esperienza con la stampa tridimensionale

Rivoluzionare il mondo degli handbikers: a provarci è la Stampa 3D, tramite la quale sono state realizzate alcune protesi perfette per permettere a questi atleti di proseguire il loro sogno sportivo!

Il racconto dell’atleta Marco Milanesi

A poter sperimentare le potenzialità della stampa 3D è stato l’handbiker Marco Milanesi. L’atleta si è infatti rivolto a questa tipologia di stampa per trovare una soluzione che gli permettesse di continuare ad allenarsi, alleviando i problemi infiammatori al braccio causati dalle ore di allenamento.

stampa 3D

Ad intervenire in suo aiuto è stata Elmec 3D che, tramite la tecnologia di manifattura additiva, ha realizzato per lui un pezzo completamente ergonomico e leggero costruito ad hoc sulla sua fisionomia.

[amazon_link asins=’B07QJGBW39,B07GY9YW4Z,B07NQ93RL7′ template=’ProductCarousel’ store=’gamspri02-21′ marketplace=’IT’ link_id=’a924b8af-1de3-420f-bd50-83590f405081′]

I vari step del processo di stampa 3D

Il progetto ha avuto inizio digitalizzando il modello della mano di Marco con un calco che, tramite i feedback dell’atleta, si è poi evoluto fino al modello finale in stampa 3D di nylon, materiale più adatto alle esigenze di uno sportivo rispetto all’alluminio.

A rendere possibile questa evoluzione è stata la tecnologia HP Multi Jet Fusion, che ha permesso di creare pezzi dotati di parti flessibili con spessori differenti e parti rigide, ideali per ottenere una performance ottimale della parte e la perfetta compatibilità con l’handbike.

Lo speciale guanto, realizzato grazie alla manifattura additiva, ha permesso così di ridurre i costi di produzione e del peso del pezzo da 500 a soli 100 grammi, garantendo anche una migliore performance complessiva dell’atleta.

Caratteristiche simili hanno reso possibile la riduzione del fastidio e del dolore provati con le normali attrezzature, permettendo a Marco di riprovare il piacere di allenarsi.

Ad essere più soddisfatto era l’atleta stesso, che ha affermato: “Grazie al calco della mia mano e al processo di digitalizzazione e progettazione dei tecnici di Elmec 3D con i software Altair è stato possibile personalizzare il pezzo in tempi brevi per raggiungere il massimo livello di comodità e performance”.

Maria Elena Sirio

Videogiocatrice dall'infanzia, innamorata del fantasy e dell'avventura (ma, soprattutto, di Nathan Drake), con una passione per il disegno, il cinema e le serie tv, che tenta di conciliare tutti questi interessi con la facoltà di Biotecnologie.

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button