fbpx
Tech

Coinbase, piattaforma di criptovalute, debutta a Wall Street

La quotazione al Nasdaq di Coinbase risulta quasi essere un evento rassicurante per la solidità delle criptovalute

Coinbase, piattaforma per lo scambio di criptovalute, verrà quotata a Wall Street e secondo gli analisti potrebbe essere valutata circa 100 miliardi di dollari. L’attesa per il debutto in Borsa di Coinbase, in programma oggi al Nasdaq, ha riacceso l’attenzione sul Bitcoin, diventando ciò che Bloomberg definisce un “test per l’appetito degli investitori”. L’arrivo diretto sul mercato delle azioni di Coinbase, ha fatto volare il Bitcoin, il cui valore ha toccato un nuovo massimo storico superando i 62 mila dollari.

L’arrivo dell’exchange di criptovalute Coinbase sul Nasdaq è uno degli eventi più attesi dell’anno a Wall Street, dove l’entusiasmo per bitcoin è in pieno svolgimento, nonostante le domande sulla sostenibilità del mercato. Coinbase è la prima società interamente dedicata alle criptovalute ad entrare nella borsa statunitense: le stime variano a seconda del metodo di calcolo, ma la sua capitalizzazione dovrebbe variare da 70 a 100 miliardi di dollari, la più grande IPO per un’azienda statunitense dai tempi di Facebook nel 2012.

Fondata nel 2012 a San Francisco da Brian Armstrong e Fred Ehrsam, la piattaforma consente agli utenti di acquistare e vendere circa 50 criptovalute, inclusi bitcoin ed ether. Coinbase stima di chiudere il primo trimestre 2021 con un utile tra i 730 e gli 800 milioni di dollari, più del doppio di quanto guadagnato nell’intero 2020. La società ha beneficiato dell’aumento vertiginoso del bitcoin nell’ultimo anno, con il prezzo dell’asset crittografico che è passato da 6.500 dollari lo scorso aprile a oltre 61.000 dollari entro la metà di marzo 2021. 

Coinbase, piattaforma di criptovalute, debutta a Wall Street

Coinbase

La quotazione al Nasdaq di Coinbase risulta quasi essere un evento rassicurante per la solidità delle criptovalute, che non sono protette da alcuna banca centrale: il risultato di ciò ha prodotto un aumento delle entrate di Coinbase che sono aumentate di quasi dieci volte nel corso di un anno fino a 1,8 miliardi di dollari nel primo trimestre, secondo le stime. Il suo profitto è aumentato di 25 volte, tra 730 e 800 milioni.

Questo è un periodo particolarmente eccitante e redditizio per gli investitori in Bitcoin. Dopo aver concluso il 2020 in modo esplosivo, riuscendo a superare la barriera dei 25.000 dollari il 26 dicembre e ad arrivare fino a 29.273 dollari l’ultimo giorno dell’anno, l’andamento del Bitcoin ha avuto un massiccio rimbalzo dal suo grave crollo di marzo all’inizio della pandemia di coronavirus.

È innegabile che il debutto di Coinbase, oltre a far salire non solo il valore del Bitcoin, e di altre criptovalute, “segnerà il primo incrocio ufficiale tra la tradizionale via finanziaria e il percorso alternativo delle criptovalute”, ha scritto in una nota Ipek Ozkardeskaya, analista senior di Swissquote. “In quanto tale, un’aggiunta di successo al Nasdaq dovrebbe fungere da sostegno delle criptovalute da parte degli investitori tradizionali”. 

La quotazione al Nasdaq di Coinbase risulta quasi essere un evento rassicurante per la solidità delle criptovalute

Goldman Sachs Group Inc. e Morgan Stanley hanno annunciato l’intenzione di offrire ai propri clienti la possibilità di investire in criptovalute. Tesla Inc. all’inizio di quest’anno ha rivelato un investimento di 1,5 miliardi di dollari in Bitcoin e più recentemente ha iniziato ad accettarlo come pagamento per le auto elettriche. Isabel Schnabel, membro del comitato esecutivo della Banca centrale europea, ha definito Bitcoin “un asset speculativo senza alcun valore fondamentale riconoscibile” in un’intervista a Der Spiegel questo mese. 

Prevedere i prezzi delle criptovalute si è dimostrato un gioco avventato. Le oscillazioni possono essere così rapide in entrambe le direzioni, oscillazione che includono i cambiamenti nella fiducia degli investitori, pubblicità negativa e copertura sui social media, questioni normative e interruzioni del servizio relative alla tecnologia.

“Man mano che il mercato delle criptovalute matura e sempre più aziende perseguono inevitabilmente gli alti margini di Coinbase, la posizione competitiva dell’azienda si deteriorerà inevitabilmente”, ha scritto New Constructs. I concorrenti “probabilmente offriranno commissioni di negoziazione inferiori o pari a zero come strategia per acquisire quote di mercato”. Susquehanna, una società di ricerca e commercio, è molto più ottimista su Coinbase, stimando una capitalizzazione di mercato del valore equo da 96 miliardi a 108 miliardi di dollari.

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button