fbpx
NewsTech

Un software può associare il tuo account Facebook all’indirizzo email

Facebook Email Search v1.0 è il programma che associa email e account Facebook sfruttando l'ennesima falla di sicurezza

Facebook Email Search v1.0 è il nuovo software che minaccia la privacy e la sicurezza degli utenti. A mostrarlo è stato un ricercatore che, in un video, ha spiegato come il programma sia in grado di associare 5 milioni di email al giorno ai relativi account Facebook. Pensate quindi a quanti dati si potrebbero ottenere in un mese di attività.

Facebook Email Search v1.0: che cos’è e come funziona

Non c’è pace per Facebook. Dopo la scandalo di qualche settimana fa, con oltre 500 milioni di dati in vendita nel dark web, arriva un nuovo problema di sicurezza. Un ricercatore, che ha scelto di rimanere anonimo, ha realizzato un video per mostrare il tool Facebook Email Search v1.0 che pare in grado di collegare gli account Facebook ai rispettivi indirizzi email. Il software è in grado di associare 5 milioni di indirizzi al giorno e svolge le operazioni in totale autonomia.

Facebook Email Search
Facebook Email Search v1.0

Ma com’è possibile? Grazie ad una falla nella sicurezza. L‘ennesima per Facebook. Stando a quanto dichiarato, il ricercatore avrebbe contatto la piattaforma per segnalare il bug ma Facebook avrebbe risposto che il problema non era sufficientemente grave, chiudendo così la questione. A quel punto il ricercatore ha deciso di diffondere il video per mostrare il problema.

La risposta di Facebook

La risposta di Facebook non è tardata ad arrivare. L’azienda ha dichiarato quanto segue:

Sembra che la segnalazione sia stata erroneamente chiusa prima di raggiungere il team corretto. Apprezziamo il fatto che il ricercatore abbia condivisione con noi questa informazione e stiamo intraprendendo le azione necessaria alla risoluzione del problema mentre indaghiamo per capire meglio cosa sia accaduto.”

Nessuna risposta in merito a quanto dichiarato invece dal ricercatore, ossia che la vulnerabilità non richiedesse nessun fix poiché non ritenuta importante.

Source
Ars Technica

Erika Gherardi

Amante del cinema, drogata di serie TV, geek fino al midollo e videogiocatrice nell'anima. Inspiegabilmente laureata in Scienze e tecniche psicologiche e studentessa alla magistrale di Psicologia Clinica, dello Sviluppo e Neuropsicologia.

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button