fbpx
MotoriNews

Hertz amplia la flotta per il trasporto di vaccini anti COVID-19

La flotta di Hertz supporta la "catena del freddo"

Hertz ha annunciato un importante ampliamento della sua flotta di veicoli commerciali adibiti al trasporto di vaccini anti COVID-19. I veicoli dell’azienda sono equipaggiati per assicurare la catena del freddo, garantendo soluzioni certificate per il trasporto a temperatura controllata e costante fino a -20° C. I modelli impiegati nel progetto sono Ford Transit 350L, Peugeot Boxer e Citroen Jumper.

Hertz potenzia la sua flotta commerciale

Per il futuro di Hertz, i veicoli professionali ricoprono un ruolo strategico. L’azienda continua ad investire in quest’area del suo business con l’obiettivo di soddisfare la crescente domanda di soluzioni adatte al trasporto merci. Nel 2020 si è registrata una crescita esponenziale dell’e-commerce e gli operatori di logistica hanno dovuto potenziare il numero di mezzi di servizio.

Hertz ha risposto tempestivamente alla domanda crescente con una flotta di veicoli commerciali in grado di soddisfare caratteristiche ben precise. Tra i settori supportati c’è anche quello della “catena del freddo“. Hertz ha arricchito la sua flotta con un numero maggiore di veicoli capaci di garantire il trasporto a temperatura controllata costante.

Questa soluzione è ideale per il trasporto e la consegna dei vaccini anti COVID-19 che necessitano di temperature ben precise. La logistica del settore richiede mezzi con certificazione ATP FRCX in grado di garantire temperature fino a -20°C. La nuova flotta è composta da modelli Ford Transit 350L, Peugeot Boxer e Citroen Jumper.

Il commento dell’azienda

Massimiliano Archiapatti, Direttore Generale e Amministratore Delegato di Hertz Italia, dichiara: “La professionalità che abbiamo potuto esprimere attraverso la nostra flotta di veicoli con trasformazioni speciali ci consente anche di fornire un importante contributo alla logistica per la consegna dei vaccini anti-Covid19 e in generale di supportare molte aziende che hanno avuto bisogno di gestire un forte incremento delle richieste, dovuto all’intensificarsi delle consegne a domicilio nel periodo pandemico.”

Offerta

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button