fbpx
CulturaFeaturedGli anime degli anni '80Rubriche

Hilary: storia di un insuccesso che cambiò tutto

Una promessa della ginnastica ritmica tra triangoli amorosi e duri allenamenti

Che si tratti di robot, di sport o di arte, gli anime giapponesi degli anni ’80 hanno un comun denominatore chiamato sacrificio. Ce lo hanno insegnato storie come quella di Maya, di Kyashan o di Jenny la tennista e continua a palesarlo anche l’anime che racconteremo questa settimana: Hilary. Arrivato in Italia nel 1988, questo anime si vede tutto d’un fiato, soprattutto perché composto da soli 19 episodi andati in onda su Italia 1. Proprio su questo canale, Mediaset ha deciso di tornare a proporli con appuntamento mattutino. Quale migliore occasione, dunque, per entrare nei dettagli della storia e scoprirne tutti i retroscena?

Hilary: la trama

La promessa della ginnastica ritmica

Hilary, la nostra protagonista, ha 14 anni e un grande sogno: diventare una grande campionessa di ginnastica ritmica. Traferitasi a Tokyo, inizia a frequentare la scuola media Aiko in cui si trova una delle migliori squadre di ginnastica ritmica del paese. Quella di Hilary è una passione che nasce da piccola, quando assiste alla gara della grande campionessa Diana Guroichewa. Ispirata al suo idolo, la giovane inizia ad allenarsi duramente ma trova lungo il suo percorso nemici e distrazioni. Il primo è una compagna di classe, Rita Megumi, che cerca di ostacolarla in ogni modo. Notato il talento della compagna, è infatti pronta a metterle i bastoni tra le ruote. La rivalità d’altronde è acuita dal fatto che solo le migliori due ginnaste della squadra parteciperanno alle nazionali e un posto è sicuramente già prenotato (ma per nessuna delle due).

Hilary e Debbie, amiche rivali

La stella della squadra della scuola Aiko si chiama Debbie Shina e ha 15 anni. Il suo talento è innegabile, tanto che per Hilary è diventa un modello. Eppure la crescita della nostra protagonista sarà costante, tanto che alla prima gara ufficiale riuscirà ad ottenere il secondo punteggio migliore, superando la rivale Rita e classificandosi subito dopo Debbie per la corsa alle gare nazionali. La scalata verso il traguardo prevede una sfida tra le due migliori atlete di ogni scuola e solo le prime classificate accederanno alle nazionali. Dopo due ottime performance, Hilary azzarda con un passaggio complesso e commette poi un errore, finendo ottava. Debbie invece conquista la vetta e le nazionali, più avanti nella carriera sarà costretta ad abbandonare tutto a causa della sua anemia aplastica. Debbie, alla fine dell’anime, lascia le gare per dedicarsi all’insegnamento della ginnastica artistica.

Quadrilatero d’amore

Non si parla solo di ginnastica artista in questo anime. Tra una gara e l’altra si sviluppano infatti intrecci d’amore che dominano la storia. La nostra Hilary è infatti innamorata di Willy, un ginnasta della sua scuola, bello e molto popolare oltre che promessa dello sport. La protagonista, però, non è l’unica ad avere una cotta per lui: la sua rivale è proprio Debbie, da tempo grande amica di Willy e segretamente innamorata di lui. A complicare la vicenda c’è poi Federico, amico d’infanzia di Hilary, musicista e ribelle, innamorato di lei. Così come Debbie e Hilary, anche Willy e Federico sono amici e al contempo rivali e entrambi si dichiareranno a lei (anche se Federico farà marcia indietro subito dopo, temendo di rompere il loro rapporto). Chi sceglierà Hilary? Difficile dirlo, perché (per motivi che spiegheremo più avanti) l’anime non lo svela chiaramente.

Il finale

Diventata ormai una vera promessa della ginnastica ritmica, Hilary si prepara per l’ultima importante gara che la vedrà ancora una volta gareggiare contro l’amica Debbie. Quest’ultima torna a vincere per un soffio e, sconsolata, Hilary si chiede se un giorno riuscirà a partecipare ai mondiali e a scontrarsi contro le atlete più forti del mondo. Appare così, tanto improvvisamente quando misteriosamente, una ginnasta (o la figura immaginata dalla protagonista di questa) che incoraggia Hilary a non abbandonare il suo sogno perché riuscirà a realizzarlo. La storia si interrompe così, quasi bruscamente. Sul finale i protagonisti svelano quale sarà il loro futuro: Hilary continuerà ad allenarsi per diventare una campionessa, stessa cosa per Willy che poi diventerà astronauta. Debbi, dopo una pausa dalla ginnastica, si darà all’insegnamento di questa disciplina; infine Federico volerà a Londra per proseguire il suo sogno di diventare musicista.

Hilary: le curiosità

L’anime (s)troncato

Quello di Hilary è effettivamente un finale molto strano e per un motivo ben preciso: l’anime avrebbe dovuto concludersi in modo differente. I 19 episodi presenti in Italia avrebbero infatti dovuto essere 26. I sette episodi mancanti sono dovuti al poco successo ottenuto dal cartone animato in terra natia. Bassi indici d’ascolto e valutazioni non proprio ottimali hanno portato all’interruzione prematura dell’anime. Ciò vuol dire che la storia arriva fino ad un certo punto del manga da cui è tratto per poi interrompersi bruscamente e ritrovare i personaggi alcuni anni dopo. E questo non è tutto: il finale è infatti totalmente diverso da quello raccontato nel manga. Insomma, l’insuccesso in Giappone ha stravolto la conclusione della storia sul piccolo schermo.

Il finale nel manga

Dicevamo che i 19 episodi di Hilary sono tratti dall’anime che racconta una storia molto più ampia. Il titolo del manga è Hikari no densetsu, in italiano La Leggenda di Hikary (nome che in Italia diventa dunque Hilary). In questo le prodezze nella ginnastica ritmica della protagonista vanno avanti, fino alla vittoria dei campionati del mondo. Lei, Debbie e Willy arrivano insieme alle Olimpiadi di Seoul ma qui accade qualcosa che stravolge tutto: Hilary scopre che i due stanno insieme e vogliono sposarsi (in realtà lui è mosso dalla compassione per la malattia di Debbie). Lei scappa via, si perde la cerimonia di apertura e corre in hotel da Federico. Trascorrono la serata insieme ma lui la tratta male, sentendosi solo un ripiego per lei. Un comportamento che servirà a Hilary per capire di provare in realtà sentimenti forti per lui. Il loro amore verrà però coronato sul palco delle Olimpiadi: lei si esibirà accompagnata al piano da Federico e, nell’ultima prova, lui le dedicherà un’aria d’amore. Applauditi da un incantato pubblico e consapevoli di aver trovato l’amore, Hilary e Federico lasciano poi la palestra.

La sigla

La sigla italiana, che porta il nome della protagonista, è cantata da Cristina D’Avena e scritta da Alessandra Valeri Manera con la musica di Carmelo Carucci. È la stessa sia in apertura che in chiusura.

I personaggi

Hilary Kamigi – Protagonista della storia. Ha 14 anni e aspira a diventare una campionessa della ginnastica ritmica.
Willy Ousu – È il miglior atleta di ginnastica artistica della scuola. Ha 15 anni e si innamora di Hilary.
Debbie Shina – Promessa della ginnastica ritmica, è la rivale numero uno di Hilary nello sport come in amore. È infatti innamorata di Willy.
Federico – Amico d’infanzia e vicino di casa di Hilary, di cui è innamorato.
Rita Megumi – Inizialmente ostile alla protagonista e sua gran rivale, man mano sviluppa nei suoi riguardi un’ammirazione segreta.
Michela Kamigi – Sorella di Hilary
Dora e Caterina – Ginnaste e migliori amiche della protagonista
Diana Guroichewa – Grande campionessa di ginnastica ritmica bulgara e idolo di Hilary.

Pronti a tuffarvi in storie di altri anime degli anni ’80? Abbiamo fatto un tuffo nello spazio con Daltanious, scoperto un eroe ‘diverso’ con Fantaman, siamo andati tra Sorgenti Maledette con Ranma 1/2, su un’isola deserta con la piccola Flo. Abbiamo vissuto i drammi di Georgie e ci siamo appassionati alle sfide sportive di Jenny la tennistaLotti e Mila e Shiro. Ma anche molto, molto altro!

Anna Montesano

Scrittrice da quando ne ho memoria, dai diari al web. Viaggiatrice incallita e malata di serie tv, appassionata di tv e cinema. Nella vita un solo motto: "Perché rimandare a domani quando puoi vederlo oggi?"

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button