fbpx
Mulan-live-action-Disney-Plus-Tech-Princess

Il produttore del live action di Mulan spiega come il business del cinema potrebbe cambiare a causa del virus
Il produttore Jason Reed condivide i suoi pensieri sull'impatto della pandemia sull'industria cinematografica


Il prossimo grande film della Disney è Mulan, una versione live-action del classico animato del 1998. Il film doveva inizialmente essere presentato nelle sale all’inizio di quest’anno, ma la pandemia di COVID-19 ha cambiato i piani.

Ora la pellicola sarà proiettata in alcune sale e più ampiamente attraverso Disney Plus come film a pagamento. In quanto blockbuster 200 milioni di dollari, in molti osserveranno da vicino la pellicola per valutare se il suo modello di rilascio unico avrà successo oppure no.

Il live action di Mulan come cambierà il panorama cinematografico?

Il produttore Jason Reed, un ex capo della Disney che ora produce film attraverso la propria attività, ne ha parlato con Deadline. Ha confermato di non essere direttamente coinvolto nella decisione di portare Mulan su Disney Plus e alla fine è stata la Disney a fare la chiamata.

Reed ha avuto molto da dire in merito, sottolineando cosa potrebbe significare per il futuro del cinema. Il produttore prevede un futuro in cui gli studi decideranno i modelli di business e le strategie di rilascio in base al film che dovranno portare sul mercato.

Secondo Reed la pandemia ha solamente accelerato qualcosa che, in un modo o nell’altro, sarebbe comunque arrivato. Nel settore cinematografico, come in ogni altro settore, la sensazione del produttore è che questo sia un modello di distribuzione più dinamico in evoluzione, che adegua la distribuzione per il contenuto creativo tanto quanto il modello di business effettivo preesistente.

“Sono finiti i tempi dei modelli di distribuzione dei film rigidamente definiti”, ha aggiunto il dirigente.

Secondo Reed le sale cinematografiche sono qui per restare perché pensa che le persone traggano valore dal guardare film insieme ad altre persone nella stessa stanza. “L’esperienza migliora se si è seduti insieme ad altre persone”, ha detto Reed.

Nel complesso, Reed ha affermato di vedere un futuro luminoso per il settore cinematografico, anche se i modelli di distribuzione stanno cambiando.


Veronica Ronnie Lorenzini
Videogiochi, serie tv ad ogni ora del giorno, film e una tazza di thé caldo: ripetere, se necessario.